-1 C
Sassano
martedì, 7 Febbraio, 2023
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Fonderie Pisano. Morti sospette, inchiesta archiviata. Ieri incontro a Salerno tra Comitato salute e vita. Presente il sindaco di Buccino

    {vimeo}282085620{/vimeo}

    Il sostituto procuratore Roberto Penna ha archiviato l’inchiesta che vedeva coinvolti i cinque eredi delle Fonderie Pisano in merito alle presunte “morti sospette” legate alle attività dell’azienda di Fratte. L’inchiesta partita nel 2016 è giunta alla conclusione, grazie anche al supporto di consulenti che hanno, dei 215 nominativi consegnati alla Procura, considerato degni di attenzione 35 casi a cui se ne sono aggiunti altri sei quando la ricerca dei Nas ha allargato l’arco temporale dagli anni Cinquanta ad oggi.

    Alla fine dagli screening è emerso che non c’è prova scientifica del nesso di causalità tra Fonderie Pisano e morti sospette e ci sarebbero alcuni parametri – scrive oggi “Il Mattino” – “che lasciano aperte diverse ipotesi sulle cause che avrebbero prodotto l’insorgere della malattia: molti dei pazienti deceduti o semplicemente malati sarebbero anche accaniti fumatori. A sancire da un punto di vista normativo le tesi scientifiche dei medici, due diverse sentenze della Cassazione in base alle quali è stato deliberato che potrebbe essere pressoché difficile valutare se l’insorgenza del tumore sia provocata dalle polveri sottili o dal fumo o se ci siano delle concause”.

    L’inchiesta è stata archiviata nel giorno in cui il comitato Salute e Vita (che nel 2016 ha denunciato le morti sospette alla Procura) è ritornata sull’argomento ambiente con il presidente Lorenzo Forte che ha attaccato fortemente l’Arpac chiedendo l’azzeramento dei vertici “segnalando controlli «farlocchi», a loro dire, da parte dell’agenzia regionale per la protezione ambientale sugli scarichi della Fonderie”.

    Intanto a Salerno ieri l’incontro promosso da CGIL sul caso Fonderie e delocalizzazione che ha visto la presenza anche del sindaco di Buccino Nicola Parisi che nel suo intervento ha ribadito ancora una volta i motivi per cui le Fonderie Pisano non possono insediarsi nell’area industriale del Cratere. 

     

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli