4 C
Sassano
venerdì, 27 Gennaio, 2023
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Padula, al centro d’accoglienza un migrante danneggia ambulanza per evitare trattamento calmante

    {vimeo}227890420{/vimeo}

    Un giovane migrante ieri, in un raptus di follia ha danneggiato un’ambulanza per impedire ai sanitari di effettuare la terapia calmante. È accaduto nel primo pomeriggio di ieri quando, al centro di accoglienza di Padula, il giovane ha manifestato un atteggiamento che rischiava di rivelarsi pericoloso. Già individuato come persona difficile, gli operatori del centro si erano attivati da diverso tempo per la prevenzione di fatti che potevano rivelarsi incresciosi e anche per tutelare tutti gli ospiti dello stesso centro che, proprio per lo stato delicato del ragazzo avevano spesso mantenuto un atteggiamento di distacco soprattutto nei casi in cui il giovane manifestava la sua rabbia. Ieri il ragazzo aveva iniziato a manifestare segni di insofferenza. Alla verifica dello stato dell’ospite, gli operatori avevano immediatamente allertato il personale del 118 che era giunto sul posto per praticare un trattamento tranquillante. Il giovane secondo quanto raccontato, pare che alla vista dei sanitari si è ulteriormente agitato e con una sedia ha iniziato ad inveire con rabbia contro l’ambulanza, danneggiando il mezzo in più punti ed in particolare sul vetro posteriore. Viste le difficoltà a fermarlo, sono stati allertati i carabinieri della locale stazione che, giunti sul posto lo hanno bloccato. Per il ragazzo è stato quindi disposto il Trattamento Sanitario Obbligatorio ed è stato ricoverato presso struttura ospedaliera. Inoltre pare sia stato richiesto l’allontanamento anche dal centro di accoglienza di Padula anche a tutela dell’incolumità degli operatori e degli altri ospiti. Pare infatti che il giovane, proveniente dalla Serra Leone, territorio particolarmente difficile le cui condizioni di vita non sono del tutto note, abbia già più volte manifestato segni di squilibrio e, più volte, è stato richiesto l’applicazione del TSO riuscendo poi a tranquillizzarlo. La  vicenda di ieri ha invece allarmato operatori e ospiti, spingendo a formulare regolare richiesta di allontanamento    

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli