4.6 C
Sassano
venerdì, 27 Gennaio, 2023
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Piana Sele, favoreggiamento e sfruttamento dell’immigrazione clandestina: 35 misure cautelari

    {vimeo}324976235{/vimeo}

    Maxi operazione all’alba di questa mattina effettuata dai carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, con il supporto del 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano, del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Salerno e in collaborazione con i Comandi di Pistoia e Matera per l’esecuzione di 35 misure cautelari nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento e sfruttamento dell’immigrazione clandestina, intermediazione illecita e sfruttamento di lavoratori con o senza permesso di soggiorno, riduzione in schiavitù, tratta di persone con l’aggravante del reato transnazionale.

    Dalle indagini partite nel 2015, è emerso che, un gruppo di persone, erano dedite allo sfruttamento dei migranti in aziende agricole. Le persone venivano reclutate nei paesi d’origine tra coloro che erano disposti a pagare somme che vanno dai 5mila ai 12 mila euro per permessi di soggiorno.

    Una volta in Italia, con regolare visto che veniva concesso attraverso una richiesta nominativa di assunzione avanzata da imprenditori collusi, veniva rilasciato permesso per attesa occupazione con durata di 12 mesi rispetto ai 6 mesi previsti per lavoro stagionale, per poi essere avviati ai lavori nei campi con la promessa di una futura regolarizzazione.

    In un caso è stato anche accertato il reato di riduzione in schiavitù, in quanto una vittima è stata privata del passaporto e sottoposta a violenza e minacce, costretta a lavori massacranti come bracciante agricola senza retribuzione. Il volume d’affari dell’organizzazione è stato stimato in 6 milioni di euro per la sola gestione die permessi di soggiorno dal 2012, esclusi i proventi derivanti dal reato di caporalato.

    Dei 35 indagati destinatari delle misure cautelari, 8 non sono stati rintracciati e nei loro confronti continuano le ricerche.

     

    Questa mattina la conferenza stampa del Procuratore Luca Masini. 

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli