1.8 C
Sassano
sabato, 28 Gennaio, 2023
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Teggiano, morte di Pierpaolo Manzione. La lettera del padre per chiedere chiarezza sull’accaduto

    pierpaolo manzione

    riceviamo e pubblichiamo da Antonio Manzione 

    A DUE MESI DALLA SCOMPARSA DEL MIO PIERPAOLO, ANCORA NON MI SONO CHIARE LE MOTIVAZIONI.

    Per un genitore sarà sempre difficile trovare le motivazioni della prematura scomparsa di un figlio, ma dopo quasi due mesi dalla scomparsa del mio Pierpaolo, avvenuta presso l’Ospedale San Carlo di Potenza, Unità Operativa di Rianimazione, ancora non mi è chiaro il quadro clinico della sua dipartita. Per dovere di memoria, Pierpaolo fu ricoverato presso il San Carlo per un intervento programmato di asportazione di una “sospetta lesione gliale a basso grado”, durante l’operazione neurochirurgica, condotta da un’equipe dell’Unità Operativa di Neurochirurgia, avvenuta l’8 gennaio scorso, ha avuto una massiva emorragia tetraventricolare e intraparenchimale, che lo ha portato al coma in maniera continuata fino alla data della sua dipartita, avvenuta il 25 marzo. A questo punto, chiunque si chiederebbe come mai un ragazzo di 24 anni, in pieno benessere, non supera un’operazione chirurgica, anche se di particolare difficolta tecnica, quando operazioni simili vengono superate da persone anche di età avanzata. Cosa è successo durante l’operazione? Come mai è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l’asportazione di una  lesione e muore per altra causa? Sono tutte domande che i medici che hanno condotto l’operazione,dei quali si è avuta assoluta fiducia, e che hanno sempre dimostrato la loro disponibilità professionale ed umana sia prima dell’intervento che dopo l’intervento, hanno fornito risposte che non sono riuscite in pieno a dare le giuste motivazioni e ragioni. E sono proprio queste motivazioni, questi importanti ragguagli medici, che un padre ed una madre cercano, perché non esiste dolore più grande della perdita del proprio figlio, che è il prolungamento della propria dimensione umana. La ricerca delle motivazioni e ragioni si spinge ben oltre l’obiettivo di  un intervento chirurgico che era stato paventato come un successo, che la tecnica mini invasiva avrebbe ridotto al minimo i rischi post-operatorima che ha portato invece alla prematura scomparsa di mio figlio Pierpaolo. E sono queste le risposte che ci aspettiamo, di cui siamo alla disperata ricerca anche attraverso il consulto dei documenti post operatori,attraverso l’acquisizione di informazioni e consulenze a vario titolo, perché la massima consapevolezza possibile servirà a dare PACE al suo spirito e relativamente a noi genitori, che saremo costretti a convivere con il dolore atroce per la sua assenza.

    Antonio Manzione papà di Pierpaolo

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli