Eventi

Eventi

Un gruppo di chef e maestri dell'arte gastronomica del Cilento e Vallo di Diano si riuniscono per la solidarietà. Il prossimo 7 maggio serata di beneficenza per la raccolta fondi da destinare all'Ospedale Santobono di Napoli. I pochi fondi disponibili per la sanità nel mezzogiorno d'Italia ed in Campania, ha portato nel 2005 alla costituzione dell'associazione Sostenitori Ospedale Santobono Onlus che si occupa di raccogliere fondi per il potenziamento dell'ospedale pediatrico Santobono di Napoli. Per far si che le famiglie del Sud non debbano più intraprendere i cosiddetti viaggi della speranza verso le regioni del Nord, favorendo anche l'ulteriore approvvigionamento per gli ospedali settentrionali di risorse economiche altrimenti destinate agli ospedale del meridione, l'associazione denominata S.O.S. Onlus si occupa di raccogliere fondi da privati e aziende che saranno poi utilizzati per l'acquisto di sempre nuove strumentazioni e apparecchiature per efficientare sempre più le prestazioni mediche e di assistenza sanitaria al Santobono, organizzare comitati e seminari di studio per favorire il costante e continuo aggiornamento sui problemi di patologie dell'infanzia e, non ultimo, migliorare le condizioni di degenza dei piccoli pazienti e dei loro familiari. Proprio per sostenere quest'ultima attività, l'associazione Amici del Cilento si è riunita, in collaborazione con la SOS Onlus, per organizzare una cena di beneficenza con 5 speciali portate da offrire agli ospiti nella serata del 7 maggio prossimo alle ore 20,00 presso il ristorante Zi Filomena di Caselle in Pittari  e presentata dall'esperta di gastronomia Francesca Pellegrino. Ad aderire all'iniziativa gli chef Lorenza Ricciardi di La Cantinella sul Mare, Pietro Benincasa del Paon Dorè, Michele Croccia del Pietra Azzurra, Mario Pellegrino del Zi Filomena, il maestro pasticcere Giuseppe Manilia, il maestro gelataio Emilio Panzardi e il Sommelier Silvano De Lisa. Insieme hanno organizzato un menù speciale con le portate che saranno composte dal vivo. Il ricavato sarà interamente devoluto per l'acquisto di complementi d'arredo destinati al reparto di Neurochirurgia infantile dell'Ospedale Santobono. La quota di partecipazione è stata fissata a 30 euro. Una iniziativa importante finalizzata al raggiungimento di diversi obiettivi: aiutare e rendere più agevole il ricovero in ospedale per i piccoli pazienti e le famiglie che sono costretti a ricorrere alle cure per patologie che si rivelano troppo spesso gravi donando loro la speranza e allo stesso tempio un ambiente confortevole in cui affrontare il dramma e, nel contempo, sostenere e potenziare una importante struttura ospedaliera del Sud rendendola efficiente e all'avanguardia in modo da ridurre il dramma dell'emigrazione sanitaria assicurando adeguate cure salvavita anche al Sud, impedendo così di fatto anche l'uscita di fondi economici destinati alla Sanità dal Sud al Nord. 

Eventi

Domani,  25 aprile, presso l'auditorium comunale "Troisi" a Casalbuono si terrà la prima edizione de "Il Teatro e l'altra storia". L'evento organizzato dall'associazione Arti Sceniche Kaos e l'Associazione "i Ragazzi di San Rocco" avrà come tema la memoria delle vittime delle Foibe. A presentarci la serata che oltre alla rappresentazione teatrale vedrà anche il dibattito sul tema il membro dell'associazione I ragazzi di San Rocco, Franco Freda. 

Eventi

 

Ieri sera, nell’immediata vigilia dello spettacolo presso il teatro “Mario Scarpetta” l’attore Giancarlo Giannini ha accettato l’invito dei giovani del Forum dei Giovani di Sala Consilina e ha risposto alle curiosità. Un incontro importante come sottolineato dal presidente del Forum Rosaria Romanelli. L’attore ligure ha ricordato i suoi trascorsi in Campania e in particolare a Napoli dove ha studiato elettronica prima di diventare attore. Nonostante l’imminente preparazione per lo spettacolo l’artista non si è sottratto nemmeno alle domande dei giornalisti presenti nell’auditorium. 

Eventi

L'Ospedale dell'Immacolata di Sapri da questa mattina e fino a domani ospita la 4^ edizione delle Giornate Endocrinologiche Cilentane. Un appuntamento che, per questa occasione, sarà aperto non soltanto a specialisti di Endocrinologia ma anche a diabetologi, internisti, cardiologi, ginecologi, medici di biologia molecolare, medici di medicina generale, pediatri, nefrologi, infermieri e biologi. La due giorni dal titolo "Endocrinologia di Genere: le età della donna" è incentrato sulle età evolutive della donna dall'adolescenza all'anzianità. Le Giornate Endocrinologiche Cilentane sono un “progetto” di aggiornamento e di scambio con i referenti delle Società Scientifiche di Endocrinologia e con le discipline che si intersecano ad essa."In questo Progetto - spiega la responsabile del Progetto, e portavoce del Gruppo di Cilentano delle Giornate Endocrinologiche la dott.ssa Maria Rosa Pizzo - rientra la valorizzazione del territorio attraverso iniziative culturali finalizzate alla promozione di studi in ambito endocrinologico riguardanti la popolazione del Cilento e Vallo di Diano e relative, alla conoscenza della storia, del paesaggio delle abitudini alimentari di un territorio universalmente riconosciuto come la “culla” della dieta mediterranea”. In linea con questo progetto sarà indetta una borsa di studio, che sarà devoluta ad un giovane endocrinologo, di età inferiore a 40 anni, finanziata da onlus operanti su questo territorio: Associazione “Carmine Speranza”, Fondazione “Pietro De Luca”, “Associazione Diabetici Cilento e Vallo di Diano”.I partecipanti, dovranno sottoporre alla Commissione Scientifica una proposta di studio sul tema endocrino metabolico, con particolare riferimento alla Endocrinologia di Genere

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.