24 C
Sassano
sabato, 25 Giugno, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sanità, il bilancio del Direttore Vastola dei primi 8 mesi al guida della sanità locale

    8 mesi di lavoro alla guida dell’Ospedale Luigi Curto di Polla e del Distretto Sanitario Sala Consilina -Polla. Il Direttore Sanitario Pasquale Vastola, nei giorni scorsi, in occasione della presentazione del nuovo Piano di Emergenza Territoriale, ha anche presentato ai primi cittadini il bilancio dei primi 8 mesi alla guida del servizio sanitario territoriale. Un bilancio in cui è stato elencato cosa è stato fatto, cosa non si è riusciti a fare e cosa si sta provvedendo a realizzare.

    Partendo dalla realizzazione di un’area contumaciale presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Curto, necessaria soprattutto vista la diffusione del covid con un investimento pari a circa 30 mila euro, Vastola ha anche parlato di quanto fatto per la gestione della pandemia ricordando come sia stato disattivato il centro vaccinale all’interno dell’Ospedale di Polla per utenti non a rischio, al fine di evitare possibili casi di contagio all’interno del presidio ospedaliero. Resta attivo il centro vaccini per utenti a rischio e che pertanto necessitano di immediati assistenza essendo soggetti fragili.

    Vista la chiusura del centro all’interno dell’Ospedale è stato attivato un Centro Vaccinale di Riferimento presso al Centro Polifunzionale di Polla. Sono inoltre stati attivati due centri vaccinali estemporanei per i comuni di Petina e San Rufo per gli adulti e a Caggiano e Polla centri vaccinali pediatrici. Tra le azioni messe in campo sotto la direzione Vastola in questi primi otto mesi, è stata effettuata una riqualificazione delle attività del Pronto Soccorso effettuando la selezione dei medici che possono operare all’interno dell’Unità Operativa.

    Attraverso un’azione di riprogrammazione anche dei turni il Dott. Pasquale Vastola ha evidenziato come si è riusciti ad ottenere un risparmio di circa 99 mila euro riducendo il ricorso alle turnazioni in ALPI ossia dell’Attività Libero Professionale Intramuraria, fondi che, come annunciato dal direttore sanitario, saranno utilizzati per l’acquisto di nuove apparecchiature al servizio dell’ospedale.

    A ciò si aggiunge la riattivazione della camera a pressione negativa che pare fosse rimasta inutilizzata. La camera a pressione negativa è un’area di grandissima importanza soprattutto fondamentale in questi anni di pandemia a tutela ad esempio dei pazienti dializzati. Riorganizzazione dell’attività libero professionale intramenia che può essere effettuata presso l’ospedale di Polla solo il Sabato mentre, nella settimana visite e controlli da parte dei medici saranno riservati alle persone che necessitano di usufruire del servizio sanitario pubblico.

    Sono inoltre numerose le prestazioni assistenziali attivate ed i servizi a favore anche dell’utente esterno. Una serie di azioni volte a migliorare il servizio sanitario nel Vallo di Diano e soprattutto il ricorso alle cure mediche ed ai servizi ospedalieri e distrettuali delle comunità di riferimento.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli