8.5 C
Sassano
sabato, 26 Novembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Anche gli ospedali Polla e Sapri nel GOM della rete oncologica salernitana

    {vimeo}369554246{/vimeo}

    Anche l’Ospedale di Polla entra a far parte della Rete Oncologica della provincia di Salerno. Con delibera del direttore generale dell’ASL di Salerno Mario Iervolino, infatti, sono stati ufficializzati i componenti del Gruppo Oncologica Multidisciplinare che supporteranno le attività legate al servizio oncologico dell’Azienda Sanitaria Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno. Lo scorso 15 ottobre il direttore Iervolino, nell’ambito delle nuove disposizione ha sottoscritto le delibere finalizzate a rendere più efficiente il servizio ma anche a coprire l’intero territorio la cui vastità impone una più capillare rete di servizi.

    In questa nuova integrazione della rete oncologica, entra di diritto anche il presidio ospedaliero pollese che, secondo quanto emerge, sarà chiamato alla gestione dei Protocolli Diagnostici Terapeutici per i tumori del Colon Retto e di natura urologica. Tra i comonenti del Gruppo Oncologico Multidisciplianre entrano anche i presidi di Vallo della Lucania con il San Luca e di Sapri con l’ospedale dell’Immacolata. Quest’ultimo in particolare viene inserito in collegamento con l’ospedale di Polla. Infatti, nelle delibere di riferimento e nel punto in cui si fa riferimento a presidio saprese, si legge che viene inserito “in un tutt’uno funzionale con il PO di Polla nell’ambito del Polo Oncologico dell’Area SUD”.

    L’esclusione di Polla aveva fatto discutere e non poco dato che, in occasione dell’approvazione della nuova Rete Oncologica Campana, per la provincia a sud di Salerno compariva come unica struttura accredita la Clinica Cobellis di Vallo della Lucania. Con questa modifica, anche Polla entra a far parte della rete con specifico riferimento il trattamento di patologie tumorali del colon retto e urologiche. Un grande risultato che, dal Cilento, definiscono anche importante se si pensa al progetto di realizzazione degli Ospedali Riuniti del Parco. Un progetto che punta a mettere in rete tutti i presidi ospedalieri presenti nell’area parco al fine di potenziare ed efficientare il servizio sanitario su un territorio vasto ed eterogeneo. In questa prospettiva, il presidente della Comunità del Parco ha annunciato l’intenzione di convocare presto un incontro alla presenza di tutti i sindaci dei comuni afferenti all’area parco

    Anna Maria CAVA

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli