14 C
Sassano
mercoledì, 18 Maggio, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Atena Lucana, questione depuratori. Sergio Annunziata spegne le polemiche

    {vimeo}148341903{/vimeo}

    Dallo scorso settembre è in atto una polemica ad Atena Lucana sul funzionamento del depuratore di C.da Maglianiello, peraltro depuratore di ultimissima generazione e tecnologia avanzata. Il vice sindaco Sergio Annunziata, risponde alle richieste della minoranza presentando certificazione e dati della ditta che gestisce lo stesso depuratore. La minoranza consiliare lo scorso 13 settembre presentò richiesta di chiarimenti al Sindaco Pasquale Iuzzolino e il vice sindaco, nonché delegato all’ambiente, all’igiene urbana e responsabile servizio depurazione, Sergio Annunziata sulla presenza di “Acque fangose e putride che emanano cattivi odori”. Nello stesso documento si chiedeva anche quali provvedimenti si intendeva adottare per risolvere la problematica che, secondo quanto affermato dai consiglieri di minoranza sarebbero frutto di denuncie giunte da parte di cittadini, anche se non risultano essere state presentate denuncie simili all’amministrazione comunale. Il sindaco Iuzzolino e il vice sindaco Annunziata, avevano già a suo tempo risposto alle richieste di chiarimenti sottolineando l’attenzione verso la tutela dell’ambiente da parte dell’amministrazione che, pur effettuando controlli periodici sui depuratori risultati sempre perfettamente funzionanti, avevano comunque, vista la segnalazione, provveduto ad interessare della vicenda gli organi preposti alle verifiche ed all’effettuazione delle relative analisi. Il 5 novembre i responsabili ARPAC effettuano indagini ispettive sul posto con l’acquisizione di campioni di acqua. I tecnici dell’ARPAC dopo aver preso visione anche del funzionamento del depuratore, avrebbero già parlato di parere positivo anche se non ufficiale, riservandosi di esprimere parere finale ad analisi dell’acqua effettuate. Intanto, per dare subito risposte ai cittadini il responsabile all’Ambiente Sergio Annunziata ha contattato la ditta gestore dell’impianto di depurazione che, nel sottolineare come il depuratore sia perfettamente funzionante con controlli effettuati a carenza bimestrale, ha evidenziato come, a seguito controllo straordinario dopo la sollecitazione, i tecnici hanno potuto appurare la presenza di lumache e pesci nel fossato incriminato, segno evidente della vivibilità e salubrità delle acque. Il colore in superficie scuro e i cattivi odori emananti, invece, come riferiscono i tecnici della ditta di depurazione, potrebbero essere causati dalla vegetazione che, in periodo autunnale morendo, si decompone ed essendo fitta nei pressi dei canali, finisce nell’acqua. Il fenomeno è riscontrabile anche nei canali adiacenti anche se in maniera meno evidente perchè coperti dalla vegetazione. A seguito di tali dichiarazioni e certificazioni da parte della ditta che gestisce il depuratore il vice sindaco Sergio Annunziata risponde con nota scritta: “Piu’ volte sollecitato dalla minoranza – spiega Annunziata – che sottolineava  nelle  varie comunicazioni, di agire solo nell’interesse pubblico, ne sono felice,e non per polemizzare!Ricordo che il comune di Atena e’ sempre attento, almeno 15 anni, in ambito di tutela ambientale con il 90% di territorio comunale coperto, da impianti di depurazione e sistema fognario, opere civili fondamentali. Confermiamo la nostra politica – conclude Annunziata –  tranquillizzando anche i consiglieri di minoranza, di totale  attenzione e investimenti nel settore, tese alla tutela dell’ambiente agiremo sempre a tutela e nell’interesse di noi cittadini di Atena Lucana”. Nella relazione presentata dalla ditta Intekna, i tecnici evidenziano come, rimescolando la massa melmosa che ristagna nel punto in questione dello scarico dell’impianto non si sollevano cattivi odori. Inoltre nei punti visibili di scorrimento l’acqua risulta limpida con la presenza anche di diversi esemplari di gamberi da fiume. La massa scura visibile sul fondale e sui lati del fiume in realtà non è fango bensì trattasi di lumachine di acqua dolce che si nutrono di alghe verdi e si sviluppano alla luce solare. “Quanto osservato e descritto – si legge nella relazione dei tecnici della Intekna – dimostra lo sviluppo di una flora e fauna caratteristica delle zone acquatiche che si concentra nei canali prossimi all’impianto della Loc. Maglianiello dimostrando la presenza di condizioni ambientali tali da permettere il prolificarsi di bio-diversità che non avrebbero modo di svilupparsi in presenza di fanghi ed elementi marcescenti”

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli