24.1 C
Sassano
martedì, 17 Maggio, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Buonabitacolo. Continua la raccolta firme a difesa del servizio idrico

    {vimeo}162815111{/vimeo}

    Iniziano a registrarsi i primi disagi per il Comune di Buonabitacolo che dovrà affrontare oltre un anno di commissariamento e che, in questi mesi, era chiamato ad affrontare e superare numerose criticità che andranno a ripercuotersi sulla cittadinanza. L’ex sindaco Rinaldi all’indomani delle dimissioni sopravvenute dei consiglieri che avevano decretato lao scioglimento del consiglio comunale aveva ricordato il caso dell’Antenna Wind in località Pennino i cui lavori di istallazione sono al momento fermi per una serie di ricorsi ma che, con l’avvento del commissario prefettizio, potrebbero non avere seguito. Ma un altro problema su cui l’ex amministrazione era impegnata era la vicenda della gestione del servizio idrico integrato con la diffida da parte dell’autorità Ambito Sele di affidare il servizio al Consac. Una diffida che era giunta a diversi comuni che continuavano a mantenere la gestione del servizio. Il ricorso presentato nelle scorse settimane dal comune di Rofrano tramite l’Avvocato Nicola Senatore con la sospensione del provvedimento dell’Autorità Ambito Sele lasciava ben sperare anche se, la sopravvenuta fase di commissariamento per il comune di Buonabitacolo potrebbe invece portare direttamente ad assegnare la gestione del servizio idrico al Consac e quindi cedere nonostante le recenti battaglie portate avanti a difesa del mantenimento autonomo del servizio. Per cercare di sensibilizzare il commissario Dott.ssa Raffaella De Asmundis e chiedere un sollecito intervento a tutela del servizio, in continuità con quanto l’amministrazione D’Elia stava portando avanti insieme ai comuni di Montesano e Sanza, azione al momento paralizzata, il comitato No Antenna è al momento impegnata in una raccolta firme da parte dei cittadini. La raccolta è partita domenica scorso e sono state già 400 le firme raccolte e consegnate martedì mattina all’attenzione del prefetto affinché nomini un tecnico di fiducia del Comune per   formulare l’istanza necessaria al mantenimento dell’autonomia del servizio idrico integrato del comune. La raccolta firme è tuttora attiva e chi volesse aderire e partecipare all’appello rivolto al commissario può farlo rivolgendosi ai membri del comitato No Antenna 

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli