17.1 C
Sassano
martedì, 27 Settembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Calcio. Seconda Categoria: stangata per il Pro Atena

    {vimeo}169227599{/vimeo}

    Oltre alla beffa anche il danno per il Pro Atena che domenica scorsa davanti al proprio pubblico ha perso la finale dei play off del girone L. La squadra di casa è stata sconfitta dal New Massa per 1-3 e ha dovuto rinunciare alla promozione in Prima Categoria al termine di una stagione da protagonista. Una sconfitta cocente che però non ha rotto l’entusiasmo in casa Pro Atena. Tuttavia a rendere ancora più amara la sconfitta è stato il giudice sportivo che, alla luce del referto arbitrale, ha dato una vera e propria stangata alla compagine rossoblu. Infatti, come riporta il comunicato ufficiale pubblicato nella giornata di ieri, il G.S. ha deliberato di “infliggere alla società Pro Atena Calcio la sanzione economica di € 1.000,00 per le gravi e continue intemperanze poste in essere dalla propria tifoseria con lanci di petardi, fumogeni e bottiglie di vetro in campo e sugli spalti, nonché di sputi verso i calciatori della squadra avversaria, ed ingiurie e minacce rivolte all’arbitro, tanto da determinare la sospensione temporanea della gara; 2) dispone di disputarsi la prossima gara casalinga del Pro Atena Calcio a porte chiuse; 3) rinvia agli uffici competenti del CR Campania la determinazione del risarcimento dei danni subiti dal direttore di gara alla propria autovettura causati dalla tifoseria locale. Dal punto di vista disciplinare mano pesante del giudice sportivo per Francesco Esposito fermato fino al 29 dicembre 2016. Esposito – come recita il comunicato – “veniva espulso per continue proteste. Alla notifica del provvedimento applaudiva ironicamente l’arbitro e gli rivolgeva ingiurie e minacce. Ritardava l’uscita dal terreno di gioco, tanto che la gara poteva proseguire dopo circa tre minuti. A fine gara con atteggiamento intimidatorio e senza autorizzazione entrava più volte nello spogliatoio dell’arbitro e reiterava le ingiurie e le minacce. Lo stesso proseguiva ad ingiuriare e minacciare l’arbitro anche nel mentre questi lasciava l’impianto sportivo con la sua auto scortato di Carabinieri”. Oltre alla beffa anche il danno per il Pro Atena che però dalla mente dei supporters non cancella un’annata straordinaria che ha avuto solo la sfortuna di rovinarsi all’ultimo round. 

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli