24 C
Sassano
sabato, 25 Giugno, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Capodanno. Bilancio positivo. Meno feriti da petardi. L’alcol fa più danni

    {vimeo}249377087{/vimeo}

    L’abuso di alcol ha fatto più danni dei petardi in Campania a Capodanno. Si può riassumere così il bilancio dell’ultimo dell’anno con soprattutto giovani hanno avuto bisogno di cure mediche. Ad Amalfi due ventenni in coma etilico, circa venti casi analoghi si sono registrati al Cardarelli di Napoli. Anche a Salerno tanti sono stati costretti al trasporto in ospedale per abuso di alcol. Ma non solo. Anche l’eccesso di cibo ha fatto danni. Cibo e alcol insieme hanno quest’anno fatto più feriti dei petardi. Botti di fine anno che hanno costato ancora una volta feriti anche se il numero in forte diminuzione. Il caso più eclatante a Salerno con una 52enne ferita al viso dalle schegge di una finestra esplosa causa petardo per fortuna senza danni agli occhi. Ustionato agli occhi un 25enne di Pagani portato al “Ruggi”, gravi ferite alle mani per due trentenni dell’agronocerino sarnese ricoverati a Nocera e Sarno. A Salerno alte due persone (una 50enne e un 25enne) hanno subìto traumi alle orecchie giudicati guaribili in una settimana.Ad Amalfi, invece, un turista è stato ustionato a una gamba (prognosi otto giorni). A Napoli e provincia, oltre al boom di ricoveri per coma etilico, si segnalano tre persone colpite da pallottole e un arresto nell’ambito delle indagini sulla sparatoria in cui è rimasto gambizzato un 12enne a San Giovanni a Teduccio, mentre era affacciato sul balcone dell’abitazione di parenti. In totale 35 feriti tra cui un bimbo di 8 anni ferito alla mano destra per lo scoppio di un petardo e ricoverato all’ospedale pediatrico Santobono. Colpi di pistola che nella notte di San Silvestro hanno ferito alla schiena un 51enne che rischia l’asportazione di un rene, una donna ferita alla spalla. 

    Giuseppe Opromolla

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli