8.5 C
Sassano
sabato, 26 Novembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Domani a Padula sarà presentato “26 – Tribute to the twenty-six dead women”

    Per ricordare la tragedia delle 26 donne nigeriane morte nel Mediterraneo domani, sabato 5 novembre, alle ore 18, presso il Convento di San Francesco a Padula, in occasione dell’anniversario dello sbarco a Salerno – era il 5 novembre  2017- sarà presentato il poemetto “26 – Tribute to the twenty-six dead women” del poeta salernitano Giancarlo Cavallo.

    L’evento è promosso dalle Cooperative sociali L’Opera di un Altro e Tertium Millennium e dalla Casa della Poesia di Baronissi.

    Era il 5 novembre del 2017 quando la nave spagnola Cantabria giunse al Molo 3 Gennaio del porto di Salerno. A bordo 375 migranti e le salme di 26 giovani donne. 6 di quelle donne  trovarono sepoltura nei cimiteri di Atena Lucana, Polla, Sassano, Sala Consilina e Montesano sulla Marcellana

    L’opera, viene proposta attraverso la formula della lettura partecipata, ossia con il contributo di 10 donne del Vallo di Diano. Le loro voci saranno infatti le voci di quelle giovani donne che cariche di sogni affrontarono il viaggio attraverso il deserto e il mare per giungere in Europa e costruire un futuro migliore. Tra le partecipanti alla lettura rappresentanti della F.I.D.A.P.A BPW Italy sezione Montesano S/M Vallo di Diano, del Terzo Ordine Francescano, donne migranti accolte sul territorio, operatrici del terzo settore, rappresentanti del mondo dell’informazione e della scuola.

    Saranno presenti  S.E. Mons. Antonio De Luca, Vescovo della Diocesi di Teggiano Policastro e  i sindaci del Vallo di Diano.

    “Mi sono chiesto – afferma Giancarlo Cavallo – se fosse giusto che io, maschio, bianco, agiato, parlassi per loro, donne, nere, spinte dal bisogno ad affrontare un viaggio che comportava un rischio mortale. Ma credo che siano state loro, dopo oltre due anni, quando il silenzio stava per richiudersi, come quel mare fatale, per sempre su di loro, ad avermelo chiesto. Quindi ho scritto per loro, che parlano per tutti noi, chiedendoci di restare umani.”

    Nella nostra memoria – dice Don Vincenzo Federico – portiamo il ricordo carico di dolore e di incredulità per uno sbarco che ci mise davanti ad un lutto collettivo. Ricordare ciò che accadde nel Vallo di Diano significa anche ricordare alle nostre comunità che 6 di quelle donne  trovarono sepoltura nei cimiteri di Atena Lucana, Polla, Sassano, Sala Consilina e Montesano sulla Marcellana”.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli