7.9 C
Sassano
domenica, 27 Novembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sapri, il treno del “Milite Ignoto” sosta alla stazione. L’omaggio della comunità bussentina

    Il Treno che nel 1921 trasportò fino a Roma il corpo sconosciuto di un militare che aveva dato la sua vita per la Patria, è arrivato ieri a Sapri per una breve sosta del viaggio che, da 6 ottobre sta svolgendo lungo tutta l’Italia in memoria del dramma della guerra e per rendere onore e emerito ai tanti italiani caduti.

    In vista delle celebrazioni delle Forze Armate del 4 novembre, il Treno della Memoria, partito da Trieste, ha percorso l’Italia sulla parte Adriatica, fino a raggiungere Bari e poi la Sicilia da dove sta ora risalendo lungo la costa Tirrenica per raggiungere Roma il prossimo 4 novembre e, lungo questa risalita. nella giornata di ieri 1 novembre, si è fermato per una breve sosta di qualche minuto alla stazione di Sapri dove, ad attendere il convoglio guidato dal Generale dell’Esercito Italiano Fulvio Poli, c’erano non solo i rappresentati delle istituzioni, civili, militari e religiose, ma anche tantissime persone e bambini con le bandiere tricolore che hanno voluto rendere omaggio, con la loro presenza, al Milite Ignoto e a tutti coloro che hanno perso la vita in difesa dell’Italia.

    Tanti i fiori deposti ai piedi dell’affusto del cannone su cui, nel 1921 alla fine della Prima Guerra Mondiale, fu poggiata la bara del Milite Ignoto, scelta tra 11 feretri individuati sui luoghi dove si erano consumati i combattimenti, da Maria Bergamas, madre di uno dei giovani morti durante il conflitto e i cui resti furono dichiarati dispersi. La bara, posizionata su quel convoglio che, nella giornata di ieri ha raggiunto anche la Stazione di Sapri, aveva raggiunto Roma per essere poi tumulata al Vittoriano, dopo un lento cammino da Aquilea alla capitale con tappe in ogni stazione per consentire alla popolazione di rendere omaggio al militare sconosciuto caduto in Guerra. Quel viaggio è stato riproposto anche quest’anno ed ha visto Sapri tra le soste del convoglio.

    Una grande emozione per un momento che, come sottolineato dal Generale Poli, vuole essere soprattutto un monito per i giovani affinché “non ripetano gli errori commessi dagli adulti di oggi come di ieri”. Pochi minuti ed il Treno della Memoria è ripartito diretto a Napoli dove si fermerà nella giornata di domani 3 novembre prima di raggiungere Roma Termini il 4 novembre, nella giornata dedicata alle celebrazione per l’Unità d’Italia e le Forze Armate.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli