16.3 C
Sassano
martedì, 24 Maggio, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Monte San Giacomo nel Cuore: “Cosa nasconde l’amministrazione dietro la parola privacy?”

    A Monte San Giacomo la minoranza ha pubblicato un manifesto per informare i cittadini sulle attività svolte in qualità di opposizione e sull’atteggiamento che definiscono “poco istituzionale” da parte della maggioranza.

    Sottolineano di essere stati “legittimamente eletti e di rappresentare il 48% degli elettori, sempre legittimamente – si legge – stanno esercitando il loro mandato. In questi primi 160 giorni lo hanno esercitato con una serie di richieste di informazioni utilizzando metodi e strumenti conformi a leggi e regolamenti ma – dicono – hanno registrato sempre e solo atteggiamenti poco istituzionali”.

    Parlano di “risposte non date, risposte incomplete, risposte date in ritardo oltre i termini previsti dalla legge, diniego di poter prendere visone di atti amministrativi e delle contravvenzioni che hanno destato non pochi dubbi soprattutto nei cittadini sanzionati”. A tal proposito chiedono: “perché non è stata consentita a noi consiglieri comunali la visone degli atti che hanno “costretto” uno solo degli operatori di polizia municipale a fare in soli 3 giorni 29 verbali di contestazione alla circolazione stradale? Cosa che non è stata fatta in circa 3 anni di servizio”.

    Nel manifesto raccontano di “una richiesta inoltrata al segretario comunale per avere copia di una serie di atti amministrativi che non erano stati pubblicati e la concessione è avvenuta dopo 20 giorni invece dei 3 (massimo 15 se si tratta di atti complessi) previsti dal regolamento; dopo 34 giorni invece è stato dato riscontro all’interrogazione con urgente risposta scritta relativa alle 29 infrazioni riguardo alle quali poi la richiesta di accesso agli atti è stata negata dal segretario comunale dopo 6 giorni; i consiglieri infine sono ancora in attesa di risposta all’interrogazione del 22 marzo sulla mancata concessione di buoni spesa e pacchi alimentari alle famiglie bisognose”.

    “Cosa si vuole nascondere? I cittadini – dicono i tre consiglieri in conclusione – hanno il diritto di essere informati”.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli