16.8 C
Sassano
giovedì, 8 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Musica, i cilentani I Dolori del Giovane Walter presentano ”Piano”. Da oggi anche la cover di ”Musica Leggerissima”

    {vimeo}626399496{/vimeo}

    Singolo d’esordio per I Dolori del Giovane Walter, band nata nel 2017 da un’idea del giovane cantautore cilentano Walter Valletta. Il singolo dal titolo ”Piano” è ”un manifesto sussurrato, uno slow motion di una moderna storia d’amore, il bianco e il nero in un mondo di colori edulcorati”.

    Composta da Walter Valletta voce/chitarra, Giuseppe Foresta chitarra elettrica, Elio Basile basso, Alberto Guzzo piano/synth, Daniele Ripoli alla batteria, la band è nata con l’intento di realizzare un progetto inedito, dal tiro indie pop ma con sonorità tendenti al rock contemporaneo.

    “Nella produzione di Piano – ha affermato Maurizio Sarnicola, il produttore artistico – ho voluto realizzare una tela utilizzando solo tre colori: un piano, un synth, la voce di Walter. Ho avuto il piacere di contribuire anche come musicista suonando il synth, un Prophet dal quale abbiamo cacciato un orchestrator con un detune à la Mac De Marco. Il piano di “Piano”? È un Petrof a muro di fine anni ’70”. “Piano – racconta la band – è tutto quello che vorresti dire quando senti che una storia d’amore ti sta scivolando tra le dita e non puoi far nulla per fermare il treno di emozioni in corsa. Quanto di più esplicito nel tentare di razionalizzare il valore dell’amore nella generazione Y”.

    Oltre al singolo inedito d’esordio, la band cilentana ha pubblicato, in uscita da oggi, il video clip della cover ”Musica Leggerissima”, diretto dalla regista Denise Galdo. “Abbiamo scelto ”musica leggerissima” – hanno spiegato i ragazzi della band – innanzitutto per la stima che proviamo nei confronti di Colapesce e Dimartino, che seguivamo ancor prima della loro “fusione”. In secondo luogo se “Musica Leggerissima” è una canzone commerciale, secondo noi è innanzitutto un bel pezzo ben strutturato ed arrangiato, che vanta un testo assolutamente non banale che spiega come a volte la leggerezza di qualcosa, in questo caso una canzone, possa aiutarci a distenderci e a galleggiare in una vita che spesso ci porta sull’orlo di un buco nero che prova ad inghiottirci”.

    Il video è girato ”in un bianco e nero classico ed elegante – ha concluso la regista – ispirato dagli assoli di chitarra e piano”.

    Antonella D’ALTO

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli