15.1 C
Sassano
lunedì, 3 Ottobre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Ospedale di Polla, cadono pezzi di controsoffitto al 2° piano per le infiltrazioni d’acqua: le immagini

     {vimeo}76326367{/vimeo}

    Si può proprio dire che presso l’Ospedale Luigi Curto di Polla “piove sul Bagnato”. Proprio la scorsa settimana era arrivato l’ennesimo grido d’allarme dei rappresentanti sindacali RSU CGIL del presidio ospedaliero di Polla e dell’ex ospedale Sant’Arsenio, Capozzi, Pistone e Alessandro, che avevano evidenziato i gravi problemi igienico-sanitari e strutturali del Luigi Curto di Polla. Un allarme rivelatosi profetico, visto che le intense piogge del fine settimana appena trascorso hanno lasciato il segno proprio all’interno dell’Ospedale Luigi Curto di Polla. Domenica mattina infatti, al secondo piano del nosocomio pollese, infiltrazioni d’acqua hanno causato addirittura la caduta di pezzi di intonaco del controsoffitto in uno dei corridoi dell’Ospedale. Come si può vedere dalle immagini, diversi i pezzi di intonaco che si sono staccati dalla controsoffittatura, e che fortunatamente non hanno colpito i pazienti e di loro familiari, i medici e gli operatori della struttura sanitaria. Il corridoio nel quale si sono verificati i danni causati dalle infiltrazioni si trova al secondo piano, dove sono situati i reparti di neurologia, oculistica e geriatria, il centro trasfusionale e fisioterapia respiratoria. In particolare il corridoio conduce ai reparti di neurologia ed oculistica. Dunque nessun danno alle persone, ma di certo un ennesimo campanello d’allarme per le situazione di degrado strutturale del Luigi Curto, ed anche un pubblicità negativa per la struttura sanitaria visto che la mattinata di domenica è caratterizzata come si sa dalle visite dei familiari ricoverati presso gli ospedali che hanno potuto assistere ad uno spettacolo davvero poco edificante. La direzione del presidio ospedaliero di Polla ha immediatamente effettuato un sopralluogo e disposto la rimozione dell’inconveniente, causato –hanno fatto sapere- “dall’abbondante pioggia delle ultime ore”. Di certo una prospettiva poco incoraggiante, visto che l’inverno non è ancora iniziato.

    Antonio Sica

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli