21.2 C
Sassano
giovedì, 6 Ottobre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Ospedale di Polla, questa mattina l’Assemblea Pubblica organizzata da CGIL, UIL e FIALS

    {vimeo}90117858{/vimeo}
    Avevano chiesto la partecipazione delle forse politiche ed amministrative territoriali i sindacati dalle tre sigle sindacali CGIL, UIL e FIALS questa mattina all’assemblea pubblica convocata presso l’Ospedale di Polla. L’intento era quello di individuare un percorso condiviso finalizzato alla risoluzione dei problemi del Luigi Curto, in particolare l’endemica carenza di personale medico che ormai ha superato da tempo i livelli di guardia. L’incontro era fissato alle 9:30, ma un’ora dopo gli unici primi cittadini presenti erano il sindaco di Atena Lucana Pasquale Iuzzolino e quello di Pertosa Michele Caggiano. Al di là di questa evidente distrazione degli amministratori valdianesi, diventa sempre più palese uno dei problemi più gravi del nosocomio pollese risiede nella mancanza di un progetto condiviso per il suo futuro proprio a livello politico, a partire proprio dal livello locale per arrivare a quello provinciale e regionale. Politica che –mormoravano oggi gli operatori del settore- è sempre pronta ad alzare il telefono per far assumere i suoi protetti o per raccomandare un paziente particolarmente caro, ma latita quando si tratta di dare un contributo concreto ed unitario per salvare la sanità valdianese. Eppure si tratta della IV struttura sanitaria per importanza dell’ASL di Salerno, che oltretutto ricopre una importanza strategica per il suo posizionamento geografico a ridosso della Basilicata e della A3 SA/RC. Per dare un’idea dell’importanza del Luigi Curto bastano i numeri degli interventi effettuati presso il Pronto Soccorso nei mesi di gennaio e febbraio 2014: sono stati 5227, rispetto ai 5662 di Vallo della Lucania. Con un piccola sostanziale differenza: al pronto soccorso dell’Ospedale di Polla c’è solo un medico disponibile nei 3 turni di servizio, a Vallo della Lucania i medici disponibili sono 2 per ogni turno. Insomma davvero un paradosso visto che anche i numeri degli altri reparti –nonostante la carenza dei medici- non sono da meno per ricoveri ed interventi. E allora ci si chiede cosa ancora debba accadere e cosa si deve fare per smuovere questa situazione, domanda alla quale le tre sigle sindacali CGIL, UIL e FIALS hanno cercato oggi di dare una risposta.
    AGGIORNAMENTO: Tra i rappresentanti istituzionali che, anche se in ritardo, hanno alla fine preso parte all’incontro di questa mattina, si segnalano il primo cittadino di Polla Rocco Giuliano, quello di Teggiano Michele Di Candia, il presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Asl di Salerno Sergio Annunziata e il Consigliere Regionale Donato Pica

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli