14.9 C
Sassano
martedì, 27 Settembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Polla, appello per Angelo Rosciano: “Il Carcere a Poggioreale è una condanna a morte”

    {vimeo}83846606{/vimeo}
    Nasce il comitato pro Angelo Rosciano, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla gravissima situazione vissuta dal 60enne originario di Sala Consilina, residente a Polla e detenuto in carcere a Poggioreale dove sta scontando una pena per reati comuni. Il reato lo ha commesso 15 anni fa e la sentenza di condanna è passata in giudicato. Nulla di strano se non fosse che Angelo, malato di diabete, ha già perso una gamba e rischia di perdere anche l’altra, non vede da un occhio e le sue condizioni di salute sono talmente precarie e delicate da mettere in pericolo giorno per giorno la sua vita. Una situazione di salute preoccupante e precaria dimostrata da perizie mediche e scientifiche, che avevano portato dopo i primi 6 mesi di carcere e grazie anche alla tenace assistenza dell’Avvocato Pierluigi Spadafora del Foro di Salerno, alla concessione degli arresti domiciliali per il 60enne di Polla. Beneficio che però non è stato rinnovato, dopo una veloce visita medica che lo ha ritenuto “di nuovo compatibile” con il regime carcerario. Davvero un paradosso, vista la situazione, e di qui la lotta della famiglia di Angelo che non chiede la sua scarcerazione ma solo che possa scontare la pena a casa e non sia lasciato morire. Insomma una condanna per reato comune non può essere tramutata in condanna a morte, e di questo e anche più in generale delle condizioni di illegalità Poggioreale, (nel quale sono detenute 2900 persone contro le 1350 per le quali è abilitato) si è parlato ieri a Polla, nel corso della conferenza stampa che ha visto presenti tra gli altri Donato Salzano, segretario dell’Associazione Radicale “Maurizio Provenza” di Salerno, due delle tre figlie di Angelo e sua moglie Irene Di Donato. Nel corso dell’incontro dunque un nuovo appello da parte della famiglia di Angelo, che ha già scritto al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al Ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, e che oltre alla costituzione del comitato pro Angelo Rosciano ha anche avviato una raccolta firme per dimostrare la solidarietà che, da parte un po’ di tutti, la drammatica situazione vissuta dal 60enne sta ricevendo.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli