18.3 C
Sassano
mercoledì, 25 Maggio, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Rifiuti dalla Tunisia a Persano, nuovo vertice in Prefettura

    Ieri in prefettura a Salerno una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per un esame delle problematiche connesse allo smaltimento dei rifiuti provenienti dal porto di Sousse in Tunisia e stoccati in 213 containers presso il porto di Salerno.

    All’incontro, allargato alla presenza della DDA di Potenza e della Regione Campania, hanno preso parte il Procuratore della Repubblica della presso il Tribunale di Potenza Francesco Curcio, il Sostituto procuratore della DDA Vincenzo Montemurro, il Questore di Salerno, Maurizio Ficarra, il Comandante provinciale dei Carabinieri, Gianluca Trombetti, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, Oriol De Luca, il Vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola, i rappresentanti della provincia e del comune di Salerno nonché il Presidente dell’Ente di ambito per il servizio di gestione rifiuti Giovanni Coscia.

    Assenti i primi cittadini dell’area interessata. Non hanno preso parte alla riunione, sembra, per un difetto di comunicazione. Continuano, dal canto loro, a chiedere certezze e tempi rapidi.

    Nel corso della riunione sono state ripercorse le tappe delle precedenti intese raggiunte dopo che la Regione Campania, in seguito a sopralluoghi, aveva individuato per lo smaltimento dei rifiuti il comprensorio militare E.I. in località Persano nel comune di Serre.

    La Procura di Potenza ha comunicato che dai primi rilievi tecnici effettuati in contraddittorio con la controparte il 29 marzo scorso dal nucleo Provinciale NBCR del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Salerno delegato dalla DDA di Potenza e dai Consulenti della medesima DDA, su un campione esaustivo dei containers, è emersa l’assenza di sostanze  radioattive ed è stata esclusa la presenza di sostanze pericolose. Si tratta quindi di materiale non pericoloso per la popolazione, in quanto è stata constatata “l’assenza di radiazioni ionizzanti, vapori organici volatili e composti tossici industriali”.

    La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Potenza – DDA ha espresso il proprio nulla osta al trasferimento dei 213 containers presso la sede di Persano come individuata dalla Regione Campania, in quando idonea e sicura per l’ambiente e per le popolazioni.  Nell’incontro sono state, quindi, esaminate e concordate le procedure e i tempi da seguire per lo stoccaggio dei rifiuti ed il successivo smaltimento degli stessi una volta terminati gli accertamenti ed il sequestro giudiziario, nel rispetto delle prescrizioni dettate dall’Autorità Giudiziaria competente.

    La finalità è stata quella di individuare una soluzione condivisa dalle istituzioni coinvolte che eviti anche ricadute negative sull’ordine pubblico, assicurando il più equo bilanciamento degli interessi in gioco nonché una tempistica rapida e certa. Il Prefetto di Salerno e il Procuratore della DDA di Potenza ribadiscono che lo sforzo continua ad essere quello di perseguire una soluzione che guardi alla salvaguardia della salute pubblica e consenta di bilanciare adeguatamente i differenti interessi in campo.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli