31.8 C
Sassano
domenica, 26 Giugno, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Roccadaspide, Auricchio sul piede di guerra per difendere l’ospedale

    Ancora polemiche sulla situazione dell’ospedale di Roccadaspide. La soluzione proposta da Vito Sparano della Uil di spostare medici a Eboli non è piaciuta al vicesindaco Girolamo Auricchio che ora è sul piede di guerra.

    “Solo adesso si ricordano che esiste il Dea tra i nosocomi di Eboli, Battipaglia e Roccadaspide. Nel 2018,  all’istituzione del Dea, non ha fatto seguito alcuna programmazione per riorganizzarli alla nuova e più importante articolazione sanitaria. Oggi abbiamo tre ospedali, più quello di Oliveto Citra, che erogano le stesse prestazioni e in questi quattro anni il nosocomio rocchese non ha ricevuto alcun supporto ma veniva passivamente concesso il trasferimento di 11 medici in modo illegittimo e senza alcuna compensazione. E dal 3 maggio i reparti di Medicina e Lungodegenza, unitamente all’ortopedia, non effettuano ricoveri.

    “Da Eboli nessuno si è preoccupato dei nostri reparti ridimensionati. Quello di Roccadaspide è l’unico ospedale autorizzato al funzionamento di tutte le sale operatorie perché le nostre sono a norma, mentre ad Eboli non è così, quindi Sparano sta chiedendo di chiudere la Chirurgia di Roccadaspide per operare i pazienti in un ospedale con sala operatoria non a norma. I soldi per risolvere molti problemi ci sono: basterebbe che la direzione del Dea acquistasse le attrezzature elettromedicali, ci sono sei milioni di euro ancora disponibili. Chiudere Roccadaspide è da incoscienti in quanto l’ospedale rappresenta l’unica speranza di salvezza per gli utenti delle aree interne. Ad Eboli pensino ad attivare la risonanza magnetica comprata nel 2018 e a Battipaglia ad attivare la Tac comprata oltre un anno fa e ancora non funzionati invece di pensare a ridimensionare ancora l’ospedale di Roccadaspide su cui grava anche la situazione del centro trasfusionale chiuso dal 15 dicembre scorso”.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli