7.4 C
Sassano
sabato, 3 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    SAD Ecodiano, si attende modifica delle linee guida. Da chiarire le responsabilità del Comune capofila

    Costituire un SAD per la gestione dei rifiuti è una necessità ma come? Sono queste le posizione assunte dai sindaci del Vallo di Diano in merito proprio alla costituzione del Sub Ambito Distrettuale “Ecodiano” che consentirà al comprensorio di poter gestire in maniera unificata il servizio rifiuti e, allo stesso tempo, in modo quasi autonomo rispetto al resto del territorio provinciale che è tutto racchiuso nell’EDA Salerno.

    Tra i primi cittadini e delegati dei vari comuni, emergono però perplessità proprio sull’attuazione e sull’operatività del SAD emerse anche in virtù della scelta del comune Capofila che dovrà quindi esprimere anche il Presidente dell’EcoDiano. Sul sito del comune di Sala Consilina che, fino alla definizione dell’ente capofila, ricoprirà il ruolo di coordinatore delle attività di costituzione dell’ente essendo il comune più popoloso, è stato pubblicato il verbale della conferenza dei sindaci svoltasi lo scorso 30 agosto nel corso del quale i primi cittadini o delegati dei comuni si sono riuniti per procedere con le scelte legate alla costituzione del SAD.

    Un confronto da cui sono emerse perplessità e dubbi per ciò che riguarda in particolare, le responsabilità dell’ente capofila e l’individuazione di modalità che fungano da garanzia per il comune capofila in merito al versamento delle quote a parte dei comuni consorziati. Come riportato nel verbale, infatti, il comune capofila, laddove venisse individuato come modello di gestione l’esternalizzazione del servizio, il Comune Capofila si troverebbe nella condizione di essere garante e quindi esposto finanziariamente per tutto il SAD. Da qui la preoccupazione per i comuni ad assumersi l’onere di dover guidare il Sub Ambito Distrettuale. Fermo restando la necessità di costituire il Sub Ambito Distrettuale, dunque, resta da capire quali saranno le responsabilità dell’ente capofila.

    A frenare la discussione anche la possibile modifica delle linee guida per la gestione del servizio rifiuti proposte dalla Regione Campania. Si attende quindi di capire siano le modifiche che saranno apportate per poi procedere con la convocazione di una nuova conferenza dei sindaci. Intanto dall’EDA, il presidente Giovanni Coscia conferma che le attività per la costituzione dei SAD che hanno già sottoscritto la convenzione e sia con i territori che hanno invece deciso di affidarsi all’EDA per la gestione dei rifiuti.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli