13.6 C
Sassano
mercoledì, 28 Settembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sala C., quarantena fiduciaria finita si reca all’ufficio postale: i vigili contestano la violazione

    {vimeo}410113691{/vimeo}

    poste trinità

    Si era recata all’ufficio postale per effettuare le sue operazioni, come pare le fosse consentito vista la certificazione dell’ASL, ed è stata raggiunta dai vigili urbani che le hanno contestato la violazione della quarantena fiduciaria. Ciò che è accaduto a Sala Consilina ha dell’incredibile ed evidenzia anche il clima di incertezza in cui si vive.

    Secondo quanto emerge pare che la Sig.ra Giuseppina ieri mattina si era recata presso l’ufficio postale per lo svolgimento di alcune incombenze, certa di aver ormai terminato il suo periodo di isolamento volontario che, peraltro, si era concluso, calendario alla mano, la scorsa settimana.

    Per la donna, infatti, era stato previsto il periodo di quarantena a seguito della scoperta della positività della sorella, risultata contagiata intorno al 25 marzo a seguito tampone. Accertata la positività come da protocollo era stata ricostruita la mappa dei contatti da cui era emerso che, circa due settimane prima, quindi tra il 10 -15 marzo, la donna con covid aveva incontrato la sig.ra Giuseppina.

    I sanitari dell’ASL, vista la distanza di tempo elevata e l’assenza di sintomi riconducibili al Covid, avevano ritenuto sufficiente la quarantena fiduciaria di 15 giorni che la donna, sin dal 26 marzo scorso, circa, aveva rispettato rigorosamente senza che, durante tali giorni si sia presentata la sintomatologia tipica del Covid 19. Decorse le due settimane di quarantena e circa un mese dal contatto con persona risultata positiva, la Sig.ra Giuseppina, ha trascorso un’ulteriore settimana in casa prima dell’uscita di ieri per recarsi all’ufficio postale.

    Una uscita che si è rivelata poi drammatica per la donna dato che è stata raggiunta dagli agenti di Polizia Municipale presso lo stesso ufficio dove le hanno contestato la violazione della quarantena. La donna ritornata a casa amareggiata e turbata ha contattato i sanitari che le hanno confermato la cessazione della quarantena fiduciaria che le consentiva di uscire di casa senza che potesse essere considerata persona contagiosa, inviando la certificazione alla polizia municipale di Sala Consilina.

    Duramente amareggiati i figli della sig.ra Giuseppina, Alfonso e Donato e il nipote Carmine, figlio della sig.ra risultata positiva e che è in via di negativizzazione avendo già avuto conferma della negatività del primo tampone di verifica. “Conoscendo nostra madre e conoscendo mia zia – dichiarano i tre giovani – abbiamo subito capito che si trattava di un errore grave che ha messo a disagio una donna piena di stima e correttezza davanti a persone presenti presso l’ufficio postale. Vogliamo spendere due parole verso chi ha deciso di discriminare in questo modo e davanti a tutti senza riservatezza una donna che stava svolgendo i suoi servizi presso l’ufficio postale prima di essere aggredita. Non è così che ci si comporta. Siate umili nelle vostre azioni. Prima di agire con aggressività – dichiarano i tre giovani – dovete dar modo ad una persona di parlare. Non come avete fatto voi che non le avete dato nemmeno la possibilità di manifestare il suo pensiero e spiegarsi”.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli