11.8 C
Sassano
sabato, 10 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sala Consilina. Chiusura carcere: ipotesi concreta, manca l’ufficialità

    {vimeo}128361305{/vimeo}

    Rischio chiusura del carcere di Sala Consilina. L’allarme lanciato dal comitato pro-tribunale in una lettera aperta ai candidati al consiglio regionale della Campania nel quale si chiedeva cosa era stato fatto per cercare di mantenere il tribunale a Sala Consilina e attirando l’attenzione sull’annosa questione relativa ad una, al momento ipotetica, chiusura del carcere. In realtà si tratterebbe di più di una ipotesi che, seppur al momento non ufficializzata con documenti o comunicazioni, sembra sia inserita nella famosa legge di riordino della geografia giudiziaria che ha decretato la chiusura del foro di giustizia salese con l’accorpamento a Lagonegro. In conseguenza di ciò sembra che l’allora ministro Severino e successivamente il ministro Cancellieri, chiamata all’applicazione della legge, avessero deciso di chiudere conseguentemente anche il carcere di Sala Consilina. A giustificare tale decisione la considerazione che viene ritenuto superfluo mantenere in attività un carcere in un territorio privo di tribunale. A ciò si aggiunge che la casa circondariale di Sala Consilina al momento non presenta un numero tale di detenuti da giustificarne il mantenimento. La struttura presenta circa 40 celle a disposizione e si puntava ad un aumento del numero delle stesso per portarle a 51. Lavori però che non sono stati eseguiti. Probabilmente perché la possibile chiusura era già nell’aria da tempo. Non vi sono però al momento  documenti o dichiarazioni che possano ufficializzare la notizia, solo la certezza che il tribunale di Sala Consilina è chiuso e la logica conseguenza è la chiusura  del carcere. Andando a ritroso nel tempo, l’allarme su una verosimile chiusura della casa circondariale era già stata lanciata in occasione della battaglia per il mantenimento in vita del tribunale di Sala Consilina. In più occasioni, infatti, era stata ipotizzata la conseguente soppressione dell’attività all’interno della casa circondariale a seguito dell’accorpamento del tribunale di Sala Consilina con quello di Lagonegro. Sembra insomma tutto deciso ma nulla è stato comunicato. Qualche dubbio resta. Ci si chiede come mai ad oggi nulla è stato comunicato e nulla trova riscontro se la chiusura deve avvenire il 30 giugno 2015, quindi tra poco più di un mese. In tal modo non vi sarebbero i tempi per il trasferimento presso altra sede. Resta però la concretezza della notizia. Prevedibile, certo, ma cosa si è fatto per cercare di arginare ed evitare il problema. Ancor di più se si pensa che la casa circondariale di Lagonegro è da tempo stata chiusa, ufficialmente per lavori di ristrutturazione che però da circa 20 anni non sono stati conclusi forse neanche mai iniziati. Sarebbe stato probabilmente opportuno, in vista dell’applicazione della legge di riordino della geografia giudiziaria, avviare azioni forti anche a difesa della casa circondariale la cui chiusura era prevedibile ed un riflesso concreto della soppressione del tribunale.  

     

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli