8.5 C
Sassano
sabato, 26 Novembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sanità. Cambia piano ospedaliero. 200 posti per l’Asl di Salerno

    {vimeo}115852916{/vimeo}

    Non c’è ancora nulla di ufficiale, l’atto aziendale dell’asl di Salerno non è stato ancora approvato perché è in fase di revisione il decreto 49 del 2010, come ha dichiarato dal direttore generale Antonio Squillante nella conferenza di fine anno. Tuttavia lo stesso Squillante parlando del futuro dell’azienda ospedaliera salernitana ha annunciato che Salerno sarà trattata meglio con un aumento dei posti letto e che alcune posizioni saranno riviste per evitare conflitti sociali. In questo momento si sta procedendo ad una revisione del piano regionale sul riassetto ospedaliero e della rete di emergenza che dovrà essere posta poi al vaglio dell’agenzia nazionale della sanità. Tra le maggiori novità previste ci sarebbe l’aumento dei posti letto che si registrerà sia nell’azienda sanitaria che ospedaliera con una maggiore concentrazione nei nosocomi dell’Asl. Se con il decreto 49/2010 si era scesi da 2936 posti letto a 2712, dopo la revisione si dovrebbe ritornare alla situazione ante decreto con circa 3000 posti letto. Dovrebbero aprire diversi presidi ospedalieri. In particolare a su della provincia di Salerno le strutture ospedaliere della Valle del Sele (Oliveto Citra, Battipaglia, Eboli, Roccadaspide) recupererebbero 100 posti letto mentre l’ospedale di Polla dovrebbe perdere 28 posti letto, passano da 228 a 200 mentre l’ospedale di Sapri da 118 passerebbe a 120. Resterà, invece, chiuso l’ospedale di Agropoli e il sindaco Franco Alfieri, dopo aver saputo che il nosocomio della città cilentana non sarà riaperto mentre a Scafati l’ospedale riprenderà a funzionare ha parlato di “rappresaglia politica nei confronti del territorio e si conferma che la chiusura dell’ospedale rappresenta una mero fatto politico e non è in alcun modo legato alla riorganizzazione sanitaria del territorio. Con questo provvedimento – aggiunge  Alfieri – si colpiscono decine di migliaia di persone rimaste prive di un presidio sanitario”.

     

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli