9 C
Sassano
domenica, 4 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sanità campana, popolazione troppo giovane, si riducono i posti letto negli ospedali

    {vimeo}162175716{/vimeo}

    La Campania è la Regione con la popolazione più giovane d’Italia ed è per questo motivo che sembra venga penalizzata, infatti il Ministero della Salute vuole tagliare all’incirca 800 posti letto, basando la decisione sul criterio dell’anzianità della popolazione. Secondo il Governatore Vincenzo De Luca, come riporta Il Mattino, le risorse del fondo sanitario nazionale sono attribuite proprio tenendo conto di tale indice e poiché la nostra è la Regione più giovane d’Italia resta la più danneggiata nella ripartizione dei fondi.  La Campania è sì la Regione con l’indice di anzianità più basso, con un’età media di 40 anni rispetto ai 43 del resto del Paese, ma è anche quella dove l’aspettativa di vita è minore. Quindi è la più giovane ma allo stesso tempo la meno longeva. Un criterio assurdo oltre che ingiusto e che non riflette su tantissimi altri aspetti. Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’anzianità della popolazione è uno degli indici a cui si deve far riferimento ma vanno anche considerati anche tutta una serie di altre condizioni che in Italia sembriamo ignorare come ad esempio quelle socio-economiche che restano un importante indicatore di morbilità. Abbiamo preso solo la parte negativa del provvedimento e quindi in Campania ci becchiamo il finanziamento più basso. De Luca intanto annuncia battaglia al Ministro della Salute se non tornerà sui suoi passi e ricorda che il commissario alla sanità Joseph Polimeni e il vice Claudio D’Amario stanno lavorando proprio in queste ore, d’intesa con la Regione, al nuovo piano ospedaliero che punta ad aumentare i posti letto oltre a ripartire i nosocomi che in base al piano ospedaliero attualmente in vigore (il decreto 49 del 2010) vanno chiusi o riconvertiti. 

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli