10.7 C
Sassano
mercoledì, 7 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sanita’, dai sindaci la richiesta di Oculistica struttura complessa

    {vimeo}208816819{/vimeo}

    Dai Sindaci del Vallo di Diano arriva una nota stampa sull’attuale situazione dell’Ospedale di Polla e soprattutto sul futuro del presidio. Secondo quanto emerge i rappresentanti istituzionali del Vallo di Diano si sono espressi, pare in maniera unanime, sul mantenimento dell’Unità Operativa Complessa di Oculistica, rispondendo così all’apertura manifestata dal direttore generale dell’ASL di Salerno Antonio Giordano, anche se, come ha voluto precisare Sergio Annunziata, per i sindaci resta fondamentale il mantenimento di entrambi le unità operative si di geriatria che oculistica strutture complesse. In riferimento al nuovo piano aziendale approvato dalla Giunta regionale della Campania,- scrivono i sindaci – si esprime soddisfazione e compiacimento per quanto riguarda il nosocomio di Polla, unico presidio, a non avere avuto la chiusura di reparti, ma solo una razionalizzazione delle strutture esistenti, anzi – dichiarano gli scriventi – nel nuovo piano grazie all’apporto ed alle competenze  del direttore generale dott. Giordano, sono stati previsti significativi investimenti in termini di servizi e personale”. I sindaci tornano poi sul momento in cui l’ospedale di Polla è stato identificato come Pronto Soccorso semplice, perdendo quindi la caratteristica di DEA, decisione maturata e confermata nel maggio del 2016 con il nuovo Atto Aziendale e dopo la visita a Silla di Sassano del consigliere per la Sanità in Campania Coscioni avvenuta nei primi giorni gennaio del 2016 in cui anche il segretario provinciale  del PD Landolfi parlava della necessità per Polla di garantire l’emergenza e il primo intervento salvavita, per poi trasferire il paziente presso altro nosocomio.Il Nosocomio di Polla – scrivono i sindaci – era stato declassato dal precedente commissario, a pronto soccorso semplice, scelta che avrebbe comportato la chiusura di almeno cinque reparti. Il Governatore De Luca e i Consiglieri – continuano – come primo atto prodotto appena insediati (nel 2015), bloccarono l’attuazione del detto piano evitando la chiusura dell’Ospedale di Polla ed è stata accettata la richiesta dei sindaci di istituire l’ambulatorio di oncologia, l’ospedale di comunità e nuovi posti per la riabilitazione. Scongiurato il ridimensionamento – continuano i sindaci – ora il nostro impegno è quello di far attuare dall’azienda sanitaria quanto previsto in termini di investimenti in tecnologia e nuovo personale medico e para medico. Inoltre – si legge ancora nella nota – evidenziamo   l’importanza del reparto di oculistica auspicandone l’aggiunta agli esistenti, la struttura complessa.  Contando sul supporto del presidente De Luca e della disponibilità mostrata del direttore Giordano, – concludono i sindaci – possiamo guardare positivamente al prossimo futuro ed affermare con decisione che l’ospedale di Polla ritorni a soddisfare il diritto alla salute come sancito dalla Costituzione e spesso dimenticato”.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli