9.6 C
Sassano
domenica, 4 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sanità, dalla UILFPL le richieste a tutela degli operatori sanitari. “Attivare laboratori sviluppo tamponi”

    {vimeo}463802525{/vimeo}

    Emergenza covid in Campania e nel salernitano. Dalla UILFPL arrivano le prime richieste rivolte all’ASL di Salerno a tutela degli operatori sanitari. Con una nota indirizzata al direttore generale dell’Azienda sanitaria, i referenti del sindacato chiedono che vengano potenziati i controlli sul personale e che i sanitari possano essere messi in condizione di lavorare in sicurezza attraverso un’adeguata fornitura di dispositivi di protezione individuale tempestiva.

    “Bisogna – scrivo – mettere i Lavoratori nelle migliori condizioni possibili per poter operare, in questa grave emergenza sanitaria che viviamo ormai da mesi”. Con questa premessa l’organizzazione sindacale chiede che vengano effettuati tamponi periodici sul personale al fine di tenere sotto controllo l’epidemia e scongiurare il diffondersi del virus tra i sanitari.

    “Chiediamo inoltre – proseguono nella nota – di accelerare con urgenza, la conclusione della procedura per i “laboratori sviluppo tamponi” nei presidi di pertinenza di questa Azienda. Ricordiamo che con delibera n. 807 del 31/07/2020 è stata indetta apposita procedura per l’attivazione della fornitura di Tamponi Rapidi Molecolari atti ad individuare in modo veloce il virus Sars-Cov2 da destinare ai Laboratori Analisi dei Presidi Ospedalieri di Vallo della Lucania, Sapri, Battipaglia, Sarno e Polla, ma che a tutt’oggi non risultano attivi. Con l’apertura delle Scuole e l’arrivo dell’influenza stagionale, cresce la necessità di avere una “potenza di fuoco” importante, per rispondere in modo celere, al possibile aumento di richieste di tamponi, che permetterebbe di diminuire in modo drastico l’eventuale periodo di quarantena, in attesa di esito del risultato”.  

    Nella nota i referenti della UILFPL ricordano ed elogiano il grande lavoro svolto dai sanitari durante l’emergenza a cui erano state promesse ricompense in termini di indennità che, però non sono mai arrivate e che, a questo punto, il sindacato chiede che vengano al più presto riconosciute.    

    Anna Maria CAVA

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli