19.7 C
Sassano
domenica, 2 Ottobre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sanità, Matera: “3 guariti al reparto covid di Polla. Piano emergenza funziona”

    {vimeo}406189013{/vimeo}

    3 guariti presso l’ospedale di Polla un risultato che l’assessore regionale al turismo Corrado Matera commenta soddisfatto. “Presso l’ospedale di Polla – evidenzia Matera – sono state dichiarate le prime tre guarigioni di persone contagiate dal coronavirus. Questa è la prova che il piano di emergenza sanitaria messo in campo nel Vallo di Diano funziona e sta andando nel verso giusto. Durante la prossima settimana a Sala Consilina sarà anche allestita la Guardia Medica dedicata CoViD per l’assistenza territoriale”.

    Ringraziando gli operatori sanitari per l’impegno ed il lavoro svolto con serietà e responsabilità torna sulla vicenda dell’ospedale di Sant’Arsenio per il quale, già nel mese di gennaio, erano state destinate risorse importanti finalizzate alla realizzazione di opere infrastrutturali e di riqualificazione della struttura per renderla idonea ad ospitare in primis l’ospedale di Comunità e una serie di altri servizi utili al territorio.

    A tal proposito l’assessore Matera evidenzia sulla struttura resta alto l’interesse. “Voglio precisare ai cittadini del Vallo di Diano – dichiara Corrado Matera – che, non appena conclusa la lunga fase di commissariamento della Sanità campana, a dimostrazione della grande attenzione che la Regione e l’ASL Salerno hanno verso il territorio e la comunità sono stati stanziati circa 5 milioni di euro per interventi di adeguamento strutturale e impiantistico per la riqualificazione del plesso ospedaliero di Sant’Arsenio come presidio strategico del Distretto Sanitario, che tanto più in questa particolare emergenza è decisamente attenzionato, indipendentemente dai proclami di chi pare ne riscopra, solo oggi, l’importanza.

    Nel rivolgere a tutti un pensiero augurale per le imminenti festività pasquali, l’invito accorato è a non vanificare i sacrifici fatti finora, limitando al massimo gli spostamenti, perché restare a casa è un gesto di rispetto per la salute e la vita di ognuno, e la sconfitta del virus dipende anche da noi, dai nostri comportamenti, dal nostro senso civico, dalla nostra responsabilità.

    Anna Maria CAVA

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli