10.8 C
Sassano
sabato, 10 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sanità, tetti di spesa sforati. Le Asl non anticipano soldi per le prestazioni

    {vimeo}293518924{/vimeo}

    Analisi e visite solo a pagamento. Sì. Alla fine dello scorso agosto i cittadini campani erano stati rassicurati dal Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, circa le prestazioni di laboratorio. Ora l’Asl di Salerno rende note le date di scadenza dei tetti di spesa.

    Con largo anticipo rispetto agli anni passati, esaurito il tetto di spesa, ad agosto prima era arrivato dalla Regione lo stop allo sforamento, e si stava allungando a dismisura l’elenco degli esami a pieno carico degli utenti, poi l’annuncio del Governatore, nonché Commissario ad acta per il piano di rientro, di aver “formalmente autorizzato le aziende sanitarie della Campania a finanziare, in via di anticipazione con fondi propri, le prestazioni di analisi dei laboratori accreditati per evitare così ogni eventuale interruzione dei servizi sanitari offerti ai cittadini”. E ancora “chi avesse già fruito di prestazioni a pagamento per il superamento del budget – aveva assicurato – sarà rimborsato”.

    A poco più di un mese da quell’annuncio, non essendo mai stati formalizzati né tempi né modi dei rimborsi, le Asl declinano l’invito e non intendono in alcun modo anticipare quei famosi fondi. Quindi nulla è cambiato anzi il dirigente dell’Unità Operativa Complessa Assistenza Accreditata dell’Asl di Salerno, Mario Forlenza, lo riporta il quotidiano LaCittà, ha reso nota una tabella con tutte le scadenza dei tetti di spesa.

    Per quanto riguarda i laboratori di analisi l’esaurimento del budget è previsto per il 10 ottobre; le cosiddette branche a visita (pneumologia, oculistica, otorino …) sono coperte fino al 13 ottobre. Un capitolo a parte va aperto per radiografie, ecografie, tac e risonanze magnetiche: per non lasciare in situazioni di difficoltà pazienti particolarmente critici le prestazioni stanno continuando ad essere erogate dai centri, con soldi propri, e lo faranno fino al 31 ottobre confidando negli annunciati rimborsi.

    Rosa ROMANO

     

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli