8.5 C
Sassano
sabato, 26 Novembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Santa Marina, sdoppiamento classi: il TAR accoglie il ricorso del Comune

    Revisione dell’organico per la scuola primaria di Santa Marina di Policastro e sdoppiamento delle classi seconda e terza per un numero eccessivo di alunni peraltro con presenza di bambini affetti da disabilità, il TAR Salerno condanna l’Ufficio Scolastico Regionale a pronunciarsi in merito all’istanza presentata dal comune di Santa Marina.

    Nell’aprile il Comune di Santa Marina aveva presentato richiesta per lo sdoppiamento delle classi dell’Istituto Comprensivo di Santa Marina – Policastro a partire dal nuovo anno scolastico 2022/2023, visto il numero degli iscritti che al 2° e 3° anno che portava alla formazione di classi pollaio. Considerata la normativa vigente in materia di sicurezza e di istruzione nell’ambito scolastico che fissa  un numero massimo di 20 alunni per classe, l’amministrazione comunale di Santa Marina, visto il superamento dei parametri e la presenza nelle due classi di bimbi affetti da disablità, aveva chiesto, sin dalla scorsa primavera lo sdoppiamento delle due classi. Una richiesta rimasta inascoltata e priva di risposta da parte dell’Ufficio Scolastico Regionale.

    Da qui il ricorso presentato dal Comune con i giudici del TAR Salerno che hanno accolto l’istanza del comune ed hanno condannato l’Ufficio Scolastico Regionale a pronunciarsi entro trenta giorni dalla sentenza. “La delicatezza degli interessi coinvolti, involgenti la tutela dei primari diritti all’educazione e all’istruzione, – si legge inoltre nella sentenza dove i giudici sono intervenuti anche in riferimento ai diritti da garantire agli alunni disabili – fa sì che l’Amministrazione non possa esimersi dal fornire formalmente riscontro all’istanza formulata dal Comune”.

    “Sono pienamente soddisfatto della decisione del TAR, – commenta il Sindaco di Santa Marina Giovanni Fortunato – che ha ritenuto legittima la richiesta del Comune ed ha condannato l’Amministrazione statale a pronunciarsi sulla richiesta di sdoppiamento delle classi 2^ e 3^ della scuola primaria. D’altronde la legge parla chiaro, l’art. 5, comma 2, D.P.R. 81/2009 prevede che le classi iniziali delle scuole che accolgono alunni con disabilità siano costituite da un numero massimo di 20 alunni, e prevede l’assegnazione di ulteriore organico per le classi di nuova formazione. Le classi in questione, 2^ e 3^ della scuola primaria, sono formate rispettivamente da 26 e da 25 alunni, di cui un disabile in ognuna. Chi amministra la cosa pubblica deve innanzitutto pensare a difendere e curare gli interessi dei cittadini, soprattutto se, come in questo caso, si tratta di minori che frequentano la scuola, principalmente in questo caso l’amministrazione deve ritenersi legittimata ad agire per difendere diritti di primaria rilevanza come quello del diritto all’istruzione e all’integrazione dei disabili”.

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli