9 C
Sassano
mercoledì, 30 Novembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sant’Arsenio. Lettere dal fronte in ricordo della I Guerra Mondiale.

    {vimeo}129876330{/vimeo}

    Nell’ambito degli eventi legati ai festeggiamenti per il 100 anni dall’entrata in guerra dell’Italia ieri a Sant’Arsenio un’iniziativa di grande spessore culturale che coinvolge i giovani studenti della scuola secondaria di primo grado. Gli alunni ieri pomeriggio sul palcoscenico del Teatro comunale Amabile di Sant’Arsenio sono stati chiamati alla lettura, attraverso l’interpretazione scenica, di scritti e lettere provenienti dal fronte e che raccontano nelle loro semplici parole tutto il disagio che la guerra provoca. L’iniziativa è stata curata dalle docenti dell’Istituto Ilaria Criscuolo e Angela Morello. L’iniziativa che vuole rendere omaggio e trasferire alle memorie delle future generazioni la drammaticità degli eventi bellici, non soltanto riferiti alla prima guerra mondiale, è stata incentrata sul coinvolgimento degli alunni delle classi terze che hanno letto al pubblico in toni teatrali un carteggio d’amore raccolto e messo a disposizione dalla docente Ilaria Criscuolo dal titolo “Anime Belle”. Gli scritti riportano alla memoria la lunga corrispondenza epistolare che ha caratterizzato la vita e l’amore del soldato Nicola Stabile e della signora Carmela Ragognetti di Polla. Dal palcoscenico del teatro Amabile, dopo l’emozionale la docente Angela Morello, a cui è stata affidata l’introduzione dello spettacolo, ha spiegato nel dettaglio le principali caratteristiche di una tale corrispondenza. Lettere scritte dal fronte, in situazioni precarie e posizioni decisamente scomode. Scritti a cui i soldati si dedicavano nei pochi e rari momenti di tranquillità che in talune occasioni si presentavano in trincea nei pochi minuti di tregua che il nemico concedeva. Un modo probabilmente per sentirsi legati alla vita proprio quando maggiormente si rischiava di perderla. La teatralizzazione degli scritti raccolti da Ilaria Criscuolo e rappresentati dagli alunni, quindi, ha cercato essenzialmente di trasferire il senso, l’importanza e ancor più il senso di attaccamento alla vita che in quelle parole, anche semplici e comuni, si possono evedinziare. All’incontro commemorativo della prima guerra mondiale a Sant’Arsenio erano presenti oltre ai rappresentanti del comune anche il dirigente scolastico Cono Alberto Rossi che ha sottolineato come eventi dedicati al ricordo anche e soprattutto di eventi drammatici della storia dovrebbero essere più spesso inseriti nel percorso formativo dei giovani di oggi, indipendentemente dalle ricorrenze. Un modo per riuscire ad imprimere meglio nella memoria delle future generazioni gli eventi che hanno poi portato alla costruzione del mondo che oggi viviamo e far si che da quel ricordo che va ben oltre il semplice libro di storia si possa davvero costituire un mondo migliore, di pace e di tolleranza reciproca, finalizzata alla crescita comune in un clima di socialità e rispetto della persona umana

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli