16.8 C
Sassano
giovedì, 8 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sergio Annunziata Segretario Provinciale del PD? Mezzo PD del Vallo “rema contro”!

    {vimeo}76950282{/vimeo}

    “Nemo profeta in patria” si sa, e tanto più questo detto è calzante nel Vallo di Diano.  Il discorso vale per tutti i partiti ma in questo momento è particolarmente evidente nel PD. E così, da un lato Sergio Annunziata incassa il “via libera” dall’apposita commissione come candidato “renziano” alla segreteria provinciale del partito democratico, ed è ormai ufficialmente in campo contro il segretario uscente Landolfi ed il segretario dei Giovani democratici, Vincenzo Pedace, candidato dell’area Letta, quella che in provincia di Salerno fa riferimento al deputato Vaccaro e al senatore Saggese. Dall’altro Annunziata deve fare i conti con l’endemica incapacità del PD del Vallo di Diano di ritrovarsi unito su qualcosa o su qualcuno. Un gioco al massacro che pare continuare, anche quando gli ultimi eventi hanno dimostrato l’impossibilità di arginare la perdita di servizi –vedi il Tribunale- proprio perché mancano figure di riferimento locale nei posti nevralgici del potere. E si capisce il perché, se è vero che quando –come nel caso di Annunziata- qualcuno ha un chance di raggiungere una posizione di rilievo nell’ambito del Partito Democratico partendo da Atena Lucana, ecco che i primi a remare contro sono proprio molti dei rappresentanti del PD del Vallo. Insomma lo “Spirito di unità territoriale” tanto conclamato resta semplicemente un’utopia. Sembra infatti che molti amministratori dei comuni del Vallo di Diano, guidati dal consigliere regionale Donato Pica, preferiranno tirare la volata al segretario uscente Nicola Landolfi. A sostegno di Landolfi sarebbero schierati al momento Padula, Sant’Arsenio, San Pietro al Tanagro e Monte San Giacomo, mentre divisioni tra pro e contro ci sarebbero a San Rufo e Pertosa. Schierati pro- Annunziata sarebbero al momento Sala Consilina, Sassano e buona parte di Teggiano, ed anche Montesano e Buonabitacolo –comuni dove il PD non amministra– oltre che ovviamente Atena Lucana. Insomma come sempre Vallo diviso, eppure sono passate solo poche settimane da quando –sotto l’onda emotiva della chiusura del Tribunale di Sala Consilina- gli stessi sindaci avevano firmato un documento politico contro i partiti ed in particolare il PD, chiedendo la  cancellazione dell’evento “Voci dal Sud”, e proclamando anche una sorta di “sospensione” dal PD stesso. Ora però invece di sostenere un uomo del territorio e lanciare un messaggio forte di unità comprensoriale, il PD del Vallo sembra destinato ancora una volta incartarsi su se stesso tra correnti e veti contrari, e propenso a lasciare il proprio destino e quello del proprio territorio nelle mani altrui. Mani che hanno già dimostrato di essere se non “indifferenti” quanto meno “impotenti”. Sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico.

    Antonio Sica

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli