16.8 C
Sassano
giovedì, 8 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Sicignano. X memorial “Biagio Germano”. Le malattie cardiache al centro del convegno

    {vimeo}177389351{/vimeo}

    “Un codice blu” per abbattere i tempi di intervento in caso di arresto cardiocircolatorio. È solo una delle proposte emerse nel corso del convegno medico organizzato a Sicignano degli Alburni sulla prevenzione primaria contro l’insorgenza di malattia cardiache.  Il convegno medico sulla prevenzione cardiovascolare si è svolto nell’ambito del 10^ Memorial “Biagio Germano”, medico di Sicignano appassionato di sport e scomparso a seguito di un infarto e a cui l’amministrazione comunale ha dedicato l’intitolazione della piazza principale del piccolo centro degli Alburni.  L’incontro sulla prevenzione cardiovascolare è stato fortemente voluto dal sindaco di Sicignano, Ernesto Millerosa, medico a sua volta, che ha chiamato ad intervenire figure professionali di rilievo come Antonella Bambacaro, nutrizionista, componente dell’associazione “Amici del Cuore” di Salerno la quale ha affrontato il tema del vivere mangiando sano. “Il modo in cui ci nutriamo è fondamentale – ha spiegato -. Limitare l’uso di latticini ed insaccati è il primo passo per chi soffre di alti livelli di colesterolo, tra le principali cause dell’infarto. Una buona dieta richiede il consumo di pesce più volte a settimana, di legumi, verdura e frutta, nonché la sostituzione del latte intero con quello di soia o con gli scremati. La riduzione di alimenti grassi e una buona attività sportiva, anche solo camminare per un’ora al giorno, – ha concluso Banbacaro – è lo stile di vita auspicabile per stare meglio”. È intervenuta la dottoressa Geppina Eusebio, cardiologa presso gli ospedali di Eboli ed Oliveto Citra, la quale ha spiegato le caratteristiche dei sintomi di una angina pectoris, ovvero dell’infarto e quindi di un solore diffuso al petto che sia durevole e che non va confuso con i dolori muscolari brevi.  Ha concluso il dottore Silvio Saponara, specialista in malattie dell’apparato cardiovascolare, il quale ha sottolineato l’importanza dell’uso del tempo in caso di infarto. “Allertare e attendere il 118 e i soccorsi locali è sempre meglio che soccorrere il malcapitato con auto di fortuna”, ha spiegato.  È intervenuta, inoltre, una volontaria del Gruppo Protezione Civile di Sicignano, Anna Citro, che non solo ha illustrato le iniziative passate della Onlus come l’installazione di defibrillatori in ogni frazione del territorio, ma ha anche presentato il progetto “Sicignano Cardioprotetta” che mira alla diffusione e alla promozione di una cultura della prevenzione cardiovascolare. Tra gli obiettivi che il progetto si pone c’è l’attivazione del “codice blu” che ha lo scopo di abbattere i tempi di intervento in caso di arresto cardiocircolatorio. Si tratta di un codice da attivare contestualmente alla richiesta di soccorso al 118.  L’operatore che accoglierà tale richiesta, contemporaneamente all’attivazione del codice rosso e all’invio dell’ambulanza attrezzata per l’intervento, attiverà le forze di polizia locale, i medici di base, i volontari e le persone debitamente formate al soccorso che si trovano nelle immediate vicinanze dell’evento; informazioni che l’operatore del 118 potrà recepire da un database costantemente aggiornato in cui è riportato un elenco delle persone formate e una mappatura dei defibrillatori posizionati sul territorio. 

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli