17.4 C
Sassano
domenica, 4 Dicembre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Teggiano, colpo di scena in Consiglio: l’Assessore al Bilancio De Paola rimette la delega

    {vimeo}81597197{/vimeo}
    Colpo di scena ieri a Teggiano nel corso del Consiglio Comunale che aveva all’ordine del giorno argomenti molto importanti tra i quali l’Approvazione del Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2013/2015 ed il Bilancio di Previsione 2013, oltre che la paventata soppressione della struttura PSAUT da parte dell’ASL di Salerno. L’assessore al Bilancio Michelangelo De Paola ha rimesso la propria delega al sindaco Michele Di Candia, dopo una discussione a tratti accesa che ha visto più volte l’opposizione attaccare la maggioranza sui temi all’ordine del giorno. Il primo argomento ad essere dibattuto è stato quello dei lavori pubblici, sui quali il sindaco Di Candia ha affermato che sono molti i progetti in cantiere, ma che come un po’ ovunque il momento di crisi e la mancanza di soldi e finanziamenti rallentano i progetti. Di diversa opinione la minoranza, che ha accusato la maggioranza di essere stata immobile e di proporre per il 2013/2015 un programma molto simile a quello dell’anno precedente. Si è affrontato poi il tema del dissesto strada in zona Codaglioni, i cui lavori partiranno a breve con fondi messi a disposizione dal Comune. La strada era stata ceduta alla Provincia di Salerno, che aveva promesso di rimetterla in sesto, cosa che non è mai avvenuta. Per l’opposizione la decisione di dare il via ai lavori arriva con dieci anni di ritardo, dato che quei lavori erano stati proposti ma all’epoca si era preferito agire in modo diverso, cedendo la strada alla Provincia. Il voto ha visto tutta la maggioranza favorevole, con l’eccezione dell’assessore Michelangelo De Paola che si è astenuto. L’opposizione invece ha espresso voto contrario. Il momento “caldo” del consiglio è stata però la discussione sulla previsione di Bilancio 2013, che ha visto la relazione proprio dell’assessore De Paola. Partendo dall’analisi del periodo di crisi, causa di numerose difficoltà, De Paola ha spiegato che si è cercato di limitare le spese dei cittadini per quanto riguarda Imu e Tarsu. “A Teggiano –ha detto De Paola- non ci sono stati grandi stravolgimenti, con l’aliquota dell’Imu che è di 0,4 per la prima casa e 0,76 per la seconda”.
    De Paola ha però messo in evidenza che il ritardo nell’approvazione del Bilancio ha portato alla diffida prefettizia, e che l’aumento della Tarsu –a suo modo di vedere- doveva essere spalmato in maniera più omogenea. L’Assessore ha comunque sottolineato che il Bilancio è in pareggio e rispetta il patto di stabilità. A questo punto il colpo di scena, con De Paola che annunciato la decisione di rimettere la deroga al Bilancio. “Non si tratta di dimissioni” ha spiegato l’Assessore, che si è riservato di discutere con il sindaco circa la sua carica. Per vari membri dell’opposizione si è trattato comunque di un gesto grave, perché giunto a pochi mesi dall’elezioni e perché l’assessore avrebbe parlato di “mancanza di fiducia e di scelte imposte”. Per il Vice Sindaco la decisione di De Paola è arrivata per una questione di incompatibilità, dovuta alle richieste della maggioranza che avrebbe preteso troppi sgravi per la popolazione, richieste che l’assessore non era nella posizione di poter concedere. Infine sono arrivate le ulteriori precisazioni di De Paola: l’assessore ha aggiunto di non volersi dimettere e di restituire la fiducia al primo cittadino di Teggiano. “Non voglio che –ha sottolineato- per i miei contrasti con una persona della maggioranza, il sindaco rischi di cadere”. De Paola non ha fatto nomi relativamente alla persona con la quale i contrasti si sarebbero acuiti. Poi la votazione del Bilancio di Previsione 2013, con la maggioranza favorevole, l’opposizione contraria e De Paola, ancora una volta, astenuto. Infine sulla questione PSAUT invece tutti i consiglieri sono stati d’accordo a continuare la battaglia contro la sua soppressione, e la relativa delibera è stata votata all’unanimità. Diversi interventi hanno evidenziato in proposito la spaccatura in atto tra i comuni del Vallo di Diano, ed anche l’ostilità in merito da parte del comune di Polla che sarebbe dovuta –si è detto a Teggiano- esclusivamente a questioni politiche e di partito.
    Michele Casella

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli