Attualità

Attualità

Il Comune di Capaccio tra i pochi comuni italiani ad aver individuato, all'interno dell'ente, le figure di funzionari responsabili della riscossione. 3 dipendenti comunali già in organico si occuperanno quindi direttamente della riscossione dei tributi locali.

Attualità

Pedinamenti ai danni dell'imprenditorie siciliano Ignazio Cutrò che ha avuto il coraggio di denunciare i suoi estorsori diventando nel 2006 testimone di giustizia e, successivamente, presidente dell'Associazione Testimoni di Giustizia che collabora attivamente con l'Associaizone Internazionale Joe Petosino di Padula.

Nei giorni scorsi, l'imprenditore è stato nuovamente vittima di pedinamenti che lo hanno costretto a presentare una nuova denuncia alla Procura di Agrigento a seguito casi di avvicinamento da parte di una moto e di un'autovettura che lo hanno seguito. Da Padula arriva il messaggio di solidarietà e vicinanza per questi ennesimi atti intimidatori che subisce l'amico Cutrò con cui sono state avviate numerose iniziative prevalentemente rivolte a sensibilizzare i giovani e le comunità sul tema della legalità e della giustizia.

Con una nota stampa, l'associaizone Joe Petrosino e i comuni di Padula e Castelverde, esprimono la loro vicinanza ad Ignazio Cutrò in questo particolare momento di paura per se e per la propria famiglia dopo i casi di pedinamento.

“Siamo vicini ad Ignazio - scrivono associazione e comuni - e rivolgiamo un appello forte allo Stato. Ancora una volta teniamo alta l’attenzione sui testimoni di giustizia, chiedendo di attivare ogni controllo verso di loro, per tutelare la loro incolumità e quella delle loro famiglie”. Da tempo, ormai, l’Associazione di Padula e i due Comuni, gemellati in nome delle attività portate avanti per ricordare la figura del poliziotto Joe Petrosino, hanno mostrato vicinanza a Cutrò e alle sue battaglie per rimarcare l’importanza dei testimoni di giustizia che, con le loro denunce, contribuiscono a smantellare la rete mafiosa e il malaffare.

Anna Maria CAVA

 

Attualità

Un altro importante passo nelle opere infrastrutturali e di ammodernamento nell'ambito delle opere di edilizia scolastica. Il Comune di Montesano sulla Marcellana, infatti, ha ottenuto il finanziamento per i lavori di ammodernamento e riqualificazione del plesso scolastico di Località Arenabianca. Un successo che l'amministrazione rivendica con orgoglio e che porta i referenti dell'ente anche a tracciare un bilancio su tutte le opere realizzate in materia di edilizia scolastica, durante questi anni di amministrazione, in vista anche delle elezioni in programma il prossimo anno.

Dal Ministero dell'Istruzione è infatti arrivato il decreto che assegna al comune di Montesano sulla Marcellana un finanziamento per 1 milione e 290mila euro destinati alla ristrutturazione del plesso scolastico di Via Santa Maria Loreto di Arenabianca. Opere consistenti nella demolizione dell'attuale plesso con successiva ricostruzione di un nuovo, più efficiente e più sicuro edificio scolastico. Un progetto che, per la sua realizzazione ed elaborazione è stato approvato anche con un ottimo punteggio, tanto da posizionarsi al terzo posto nella graduatoria regionale e senza prevedere alcuna somma di cofinanziamento da parte dell'ente comunale.

L'intera cifra necessaria alla realizzazione del progetto, sarà quindi totalmente a carico del Ministero dell'Istruzione che, con il decreto datato 25 luglio 2020, ha stanziato l'intera cifra occorrente per la realizzazione dell'opera. Si tratta di opere di edilizia scolastica che vanno ad aggiungersi a quelle già programmate sul plesso scolastico di Tardiano, sulla scuola di Montesano Capoluogo e sull'edificio della frazione scalo.

Altra novità importate per il comune di Montesano arriva dalla realizzazione e completamento della rete del metano nella frazione Arenabianca e fino a Montesano Scalo lungo tutta la Strada Provinciale 192. Un risultato importante che lancia il comune verso la modernità nel settore delle fonti energetiche. L'obiettivo è quello di ampliare nel più breve tempo possibile la rete anche nelle aree che al momento risultano scoperte, raggiungendo finanche le comunità di Tardiano, Magorno e Prato Comune e tutte le aree limitrofe delle frazioni che al momento risultano già servite. Gli utenti, per poterne usufruire, possono presentare regolare richiesta alle aziende che offrono la fornitura, alcune delle quali anche operanti nel territorio valdianese.

Anna Maria CAVA

Attualità

L’ondata di maltempo che si è abbattuta ieri sul salernitano ha provocato molti disagi: frane, alberi sradicati e strutture divelte. Dall'Agro Nocerino Sarnese al Golfo di Policastro passando per Cilento e Vallo di Diano diverse le strade interrotte e i danni all'agricoltura.

Giornata intensa ieri per Vigili del Fuoco, Protezione civile, Polizia municipale e volontari al lavoro in diversi Comuni. A Sacco sulla SP11, poco dopo l’incrocio per Piaggine, una frana ha messo in pericolo una donna in macchina che ha rischiato di essere travolta ed è stato necessario evacuare un’abitazione con tre persone.

Anche sulla strada provinciale ex SR94, in località “torriciello”, tra Salviette e Caggiano dalla montagna si sono riversati in strada fango, pietre e detriti vari. E la carreggiata è rimasta bloccata per alcune ore.

Il forte vento ha divelto il cancello del campo sportivo di Sant’Arsenio mentre in Via Rimembranza a San Pietro al Tanagro è stato sradicato un albero.

Disagi poi a Teggiano: tombini esplosi per la violenta portata dell'acqua, allagamenti in abitazioni e garage nel centro storico e strade inondate in località Prato Perillo, dove un’auto in transito è finita in una piccola voragine che si era creata, nessuna conseguenza per il conducente. In località San marco invece ha ceduto il muretto di contenimento del campo di pallavolo.

Stessi problemi si sono registrati più a sud: a Camerota, a Palinuro e a Vibonati. Dove il vento ha scoperchiato strutture, abbattuto cancelli, alberi e cartellonistica. Lasciando sulle strade di tutto.

AGGIORNAMENTO. La Protezione civile della Regione Campania ha prorogato l'allerta meteo attualmente in vigore (e che ha un livello di criticità Giallo fino alle 6 di domani mattina,  domenica 27 settembre) innalzando il livello di criticità idrogeologica: dalle 6 di domani mattina si passa infatti all'Arancione sull'intero territorio regionale fino alle 6 di lunedì 28 settembre.

 

Rosa ROMANO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.