Attualità

Attualità

L'assessore al comune di padula Vicnenzo Polito, come promesso, ha consegnato nei giorni scorsi alla Protezione Civile sez Vallo di Diano il mezzo spargisale acquistato utilizzando le somme non incassate delle sue indennità di carica. Con delibera di Giunta Comunale del gennaio 2017, l'assessore Polito aveva annunciato di rinunciare alla sua indennità di carica e che, la somma sarebbe invece stata destinata a potenziare i servizi di protezione civile sul territorio. Un gesto che, già lo scorso gennaio, si era rivelato utile con l'acquisto di un'abbondante scorta di sale arrivata grazie proprio ai fondi derivanti dall'indennità di carica non incassata da parte di Vincenzo Polito.

In quell'occasione l'assessore aveva anche annunciato di aver avviato tutte le procedure per l'acquisto di un mezzo spargisale da utilizzare in caso di emergenza e da affidare, in comodato d'uso gratuito,alla Protezione Civile Vallo di Diano. Nei giorni scorsi l'arrivo del nuovo mezzo e la conseguente consegna in comodato d'uso avvenuta presso la sede di Padula Scalo dei volontari. "Nel nostro territorio - spiega Polito Delegato alla protezione civile - opera da più di vent’anni l’Associazione, che rappresenta la principale risorsa operativa di Protezione civile dell’Amministrazione ed è sostenuta dalla passione e dall’impegno di tutti i volontari iscritti.Il Volontariato - ricorda -  è un servizio svolto da chi, adempiuti i propri doveri di lavoro e famiglia, pone se stesso e le sue professionalità a disposizione della comunità per scopi di non profitto e credo che non sia assolutamente giusto che allo stesso venga anche imposto di frugarsi in tasca per sostenere le spese degli interventi e attrezzature.

Questa donazione - dichiara ancora Vioncenzo Polito - che non a caso avviene in una settimana in cui si celebra il lavoro della Protezione Civile su tutto il territorio nazionale, rappresenta una conferma dell'impegno economico del mio assessorato a favore del servizio di protezione civile e volontariato, consapevole dell'importanza di disporre di una struttura preparata e in grado di informare correttamente la cittadinanza sulla cultura della protezione civile e prota ad interfvenire in previsione o al verificarsi di un evento calamitoso". L'assessore Polito assicura nei prossimi anni destinerà le somme derivanti dalla sua indennità di carica ad iniziative utili legate alle sue deleghe di arredo urbano, lavori pubblici e servizi cimiteriali.

Anna Maria CAVA

 

Attualità

C'è fermento a Polla per le bollette TARI sulle case non abitate. Negli ultimi giorni non si parla d'altro, con i diretti interessati, coloro che hanno ricevuto l'avviso di pagamento (tecnicamente l'avviso di accertamento che conclude il procedimento tributario), che annunciano battaglia. La società SOGET, che gestisce la riscossione dei tributi per il Comune di Polla, ha già chiarito come la tassa sui rifiuti delle case non utilizzate o non utilizzabili debba pagarsi in caso di utenze attive per l'immobile.

Per questo motivo, la SOGET ha inviato a 750 cittadini pollesi un avviso di accertamento con relativo "invito" a pagare, un provvedimento emesso a conclusione di un procedimento tributario in cui è stata constatata un'omessa o infedele denuncia, ovvero che il contribuente ha dichiarato di possedere ed occupare una superficie diversa da quella reale, conseguendone un mancato o parziale pagamento. Parliamo di controlli che riguardano la totalità dei contribuenti, che utilizzano o il metodo della misurazione sul posto oppure il riferimento della superficie catastale, rilevata dall'Agenzia del Territorio.

Presupposto della TARI è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. La società di riscossione, in questo caso, ha effettuato controlli su tutti gli immobili potenzialmente in grado di produrre rifiuti. Solo all'esito di questa procedura, dunque, sono state rilevate delle irregolarità e scaturiti i provvedimenti tanto discussi dai destinatari.

Federico D'ALESSIO

Attualità

Ieri sera, presso la sala del Polo Multifunzionale di San Pietro al Tanagro si è svolto un primo incontro interlocutorio tra i presidenti di Pro Loco per ridare vita al Consorzio delle Pro Loco Vallo di Diano. Una idea proposta dall'assessore del comune di San Pietro Antonio Pagliarulo che ha raccolto il consenso delle 15 associazioni di promozione turistica che ad oggi risultano costituite su territorio valdianese. Seppur nel primo incontro è mancata la piena adesione, da parte dei vari referenti è comunque giunta la disponibilità e l'apertura alla costituzione di un ente unico che possa rapportarsi con tutte le pro loco esistenti ed essere collante tra le varie realtà. Soddisfatto per questo primo incontro l'organizzatore Antonio Pagliarulo anche per la presenza, nella serata di ieri, di giovani presidenti. Nuove figure che saranno anche capaci di portare una ventata di novità anche nelle idee. Una prima riunione, a cui a strettissimo giro ne seguiranno altre, che si è rivelata molto fruttuosa per le idee esposte.

"L'incontro - spiega Pagliarulo - segna l’inizio di un processo per lo studio e la diffusione di una nuova offerta turistica che renderebbe il Consorzio funzionale agli obiettivi derivanti dall’attuazione del piano turistico della Regione Campania, dei siti turistici dei Comuni interessati, dall’UNPLI e dalle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere". Diverse le proposte a cui si intende dar seguito nel breve tempo come ad esempio la partecipazione alla prossima Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico in programma a Paestum dal 14 al 17 novembre. Inoltre vi è la volontà di fare del consorzio delle Pro Loco un ente organizzatore di corsi di formazione e di valorizzazione al servizio di tutte le strutture ricettive, in maniera tale da creare una servizio di accoglienza turistica omogenea e di alta qualità.

"Il Consorzio, - spiega Antonio Pagliarulo - si porrà come supporto agli stakeholder attraverso delle fasi  di  sviluppo di progettualità, formazione nella fase ricettiva e creazione di offerte turistiche diversificate, condivise dalle reti di realtà territoriali, anche tramite la creazione di nuovi modelli collaborativi". Il Consorzio delle Pro Loco punta anche alla creazione di un calendario di eventi e appuntamenti in grado di coprire l'intero arco dell'anno in maniera tale da poter proporre un'offerta turistica diversificata e più ampia per portare visitatori anche durante il periodo invernale, evitando l'accavallamento di eventi durante il periodo estivo. Un progetto che si cercherà di attuare già dal prossimo anno.

Anna Maria CAVA

 

 

Attualità

L'importanza del servizio trasporto su ferro er un territorio che punta alla valorizzazione turistica è stato ribadito questa mattina presso la stazione di Padula dove sono giunti i referenti del senato e della Regione del Movimento 5 Stelle. Durante la visita e la valutazione delle condizioni indecorose in cui versa la struttura, il senatore Francesco Castiello, la Senatrice Felicia Gaudiano e il consigliere Regionale Michele Cammarano, hanno ribadito come, se si vuole davvero evitare lo spopolamento, è necessario assicurare adeguati collegamenti e realizzare opportune infrastrutture. 

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.