Attualità

Attualità

Il sindaco di Capaccio Paestum Franco Alfieri ha emesso un’ordinanza per il divieto dei roghi dei rifiuti speciali: 500euro di sanzione a chi non la rispetta

Attualità

L'amministrazione comunale di Sala Consilina incontra i giovani per coinvolgerli nella vita politica e amministrativa del paese. Sabato prossimo, 19 ottobre alle 17,00 si terrà un incontro promosso dall'assessore alle politiche giovanili Francesco Spinelli che darà inizio ad un confronto costruttivo e collaborativo per l'attuazione del progetto di sviluppo del territorio.

"Diamo attuazione al nostro programma - riferisce il sindaco Francesco Cavallone - Un programma che punta a responsabilizzare e a formare i giovani alla vita politica del paese e, insieme a loro, cercare di attuare idee che, come amministrazione, abbiamo già elaborato a supporto dei nostri ragazzi. Come ad esempio la costituzione di un consiglio comunale dei giovani con l'elezione dei baby sindaco".

Alle passate elezioni comunali, tra le proposte che l'amministrazione Cavallone si è impegnata a realizzare, era inserito anche un capitolo specifico per le politiche giovanili. Un'attenzione confermata dal riconoscimento di un assessorato specifico affidato a Francesco Spinelli che ora inizia nel concreto con la sua attuazione attraverso il primo di una serie di incontri in programma sabato alle ore 17,00 presso l'aula consiliare del comune "per favorire - come è riportato nell'invito pubblicato sulla pagina facebook del comune di Sala Consilina - l'inclusione e la partecipazione dei giovani nella propria attività istituzionale". Per l'amministrazione comunale salese i giovani rappresentano una risorsa, per tale ragione viene ritenuto importante canalizzare le loro energie l'entusiasmo e le idee, avvicinandoli al mondo della politica.

Tra i progetti in cantiere, la creazione di una casa dei giovani presso Palazzo Del Vecchio che comprenda anche un ostello della gioventù con fini socio-culturali. Un luogo dove i ragazzi potranno dare libero sfogo alla loro arte e alle loro passioni. E poi ancora l'istituzione di borse di studio per i talenti locali, o ancora la programmazione di incontri ed iniziative sul tema della prevenzione di fenomeni comportamentali come l'abuso di alcool e droghe oppure la dipendenza da gioco d'azzardo o da internet. Le idee ci sono, ora però, l'amministrazione comunale di Sala Consilina, vuole attuarle coinvolgendo i diretti interessati, affinché possano acquisire anche un adeguato senso di responsabilità in merito alle decisioni assunte.

Anna Maria CAVA

Attualità

Mille bambini del salernitano sono rimasti senza riabilitazione, manco a dirlo per l'esaurimento dei tetti di spesa assegnati alle strutture convenzionate. La denuncia ai vertici dell'Asl - come riporta IlMattino - arriva dall'Anpric, l’associazione dei centri di riabilitazione. Da via Nizza intanto fanno sapere di essere a conoscenza della situazione, che significa sofferenza per tante famiglie, e di essere impegnati nella ricerca di una soluzione.

“Il 30 settembre – scrivono dall’Anpric – abbiamo segnalato che oltre 600 bambini, pur essendogli state prescritte terapie indifferibili dai medici della Asl, non potevano effettuarle o addirittura, essendo in cura, avevano subito l'interruzione repentina del ciclo terapeutico. Abbiamo segnalato che la commissione, che per decreto e per contratto, ha il compito di vigilare su tali situazioni, nonostante l'obbligo di riunirsi ogni due mesi, non viene convocata da otto mesi. Dopo due settimane la risposta che abbiamo avuto è il silenzio assordante da parte, non solo dell'amministrazione, ma anche delle associazioni che pure fanno parte del tavolo. Ad oggi – continuano – i bambini a cui non viene effettata la terapia avrebbero superato il migliaio e potrebbero diventare il doppio il prossimo mese. Coloro che dovrebbero fornire delle risposte sembrano concentrati esclusivamente nel ruolo di guardiani dei tetti di spesa. Il budget è ritenuto da più parti inadeguato a rispondere al fabbisogno di riabilitazione, visto che le prestazioni pro-capite in provincia di Salerno sarebbero dieci punti inferiori alla media regionale, a cui – concludono – fa seguito anche il mancato censimento dei bambini in lista di attesa o ai quali è stata bloccata la terapia”.

Rosa ROMANO

Attualità

Anche il Vallo di Diano aderisce alla Giornata Nazionale per la Prevenzione Sismica in programma domenica 20 ottobre su tutto il territorio nazionale. Grazie all'ordine degli ingegneri di Salerno, i professionisti saranno anche nel Vallo di Diano e precisamente a Padula per illustrare alle comunità locali le varie tecniche e gli interventi che possono assicurare una maggiore staticità e sicurezza delle abitazione ed in generale degli edifici.

Domenica prossima 20 ottobre, davanti all'ingresso della Certosa di San Lorenzo, grazie alla disponibilità del Comune di Padula e della Comunità Montana Vallo di Diano, sarà allestito un punto informativa delle Piazze della Prevenzione Sismica, dove gli ingegneri, saranno a completa disposizione dei cittadini per spiegare in modo chiaro il rischio sismico, le variabili che possono incidere sulla sicurezza di un edificio (modalità costruttive, area di costruzione, normativa esistente al momento della costruzione, ecc...) e le agevolazioni finanziarie (SismaBonus e EcoBonus) oggi a disposizione per migliorare la sicurezza della propria abitazione a spese quasi zero.

Grazie all'Ordine degli ingegneri di Salerno, nel corso della mattinata, gli esperti saranno al servizio delle comunità locali al fine di stimolare il sentimento di sicurezza, in particolare nell'ambito della prevenzione del rischio sismico. Presso il Punto informativo nel corso della giornata gli ingegneri dell'ordine di Salerno illustreranno non solo ai cittadini ma anche agli amministratori di condominio il programma di prevenzione denominato "Diamoci una Scossa" che prevede, per tutto il mese di novembre, visite tecniche gratuite sugli edifici per una prima e sommaria valutazione della sicurezza delle abitazioni.

Il punto informativo, denominato Piazza della Prevenzione Sismica, sarà allestito nell'ingresso della Certosa di San Lorenzo utilizzando anche la sala conferenze e la sala consiliare del Comune di Padula, ubicate all'interno della Certosa. Un'iniziativa di grande valenza per un territorio che rientra tra le aree più a rischio per quanto riguarda le sua elevata sismicità. Da qui la volontà e l'impegno dell'ordine presiduto da Michele Brigante che ha accolto la proposta dell'Ing. Raffaele Tarateta, segretario dell'ordine, di aderire all'iniziativa nazionale e di creare punti informativi nel Vallo di Diano.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.