Attualità

La Società Cooperativa Nova Civitas fa sapere che “grande entusiasmo è stato espresso dalle Amministrazioni di Polla, Teggiano, Atena Lucana, Sala Consilina e dagli operatori turistici del territorio per LE Giornate Europee del Patrimonio, l’iniziativa che l’ha vista, lo scorso weekend, promotrice dell'apertura straordinaria dei luoghi della cultura nei Comuni aderenti”. I numeri comunicati dalla Nova Civitas parlano di 200 presenze che magari non sono cifre da capogiro ma restano importanti se si considera che un Vallo di Diano sconosciuto ai più e poco, se non per nulla, visitato nella maggior parte dell’anno ha avuto modo di essere vissuto e apprezzato: la Cappella di San Giuseppe, conosciuta anche come cappella Bigotti, di Sala Consilina, il  Museo Civico di Polla, il Museo Archeologico di Atena Lucana, la Chiesa bizantina di San Nicola de Domnis di Padula o il Museo delle Erbe di Teggiano. “Particolari apprezzamenti – aggiungono dalla Nova Civitas – sono pervenuti dai visitatori stranieri presenti sul territorio” che sembrano aver molto apprezzato il Museo Diocesano e il Lapidario Dianense, stando anche a quanto riportato dal Direttore Marco Ambrogi sulla sua pagina fb. “Sabato sera e in tutta la giornata di domenica – continuano ancora dalla Società – si ha avuto modo di scoprire un Vallo di Diano inedito attraverso la sapienza degli operatori museali di Nova Civitas, Paràdhosis, Società Operaia Torquato Tasso e della sez. P. Gallo dell’Associazione Amici del Presepio. Soddisfatti dunque per i risultati ottenuti ma soprattutto per la disponibilità delle amministrazioni comunali, della diocesi Teggiano-Policastro, della associazioni e dei privati che hanno creduto nell’iniziativa rendendo accessibili i propri musei”.  “Visitare un museo emozionale – dichiara Giuseppe Verga, vice presidente di Nova Civitas – è un’esperienza di arricchimento personale, ancor di più se si è guidati da operatori specializzati. Un museo però ha bisogno anche di una strategia comunicativa di qualità e di servizi come biglietti, prenotazioni on line, percorsi multimediali e tecnologie digitali. L’obiettivo di Nova Civitas – conclude Verga – è proprio quello di applicare il proprio know how alle risorse culturali del Vallo di Diano”. 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.