Attualità

rv barriereBarriere di cemento agli ingressi di Roscigno Vecchia. Da ieri sera la Pompei del 900 è off limits. Con ordinanza n. 21 dello scorso  3 ottobre, il sindaco, Pino Palmieri, ordina la chiusura degli ingressi  del borgo antico di Roscigno, a tutela della pubblica incolumità  per condizioni fatiscenti dei fabbricati ubicati lungo il tratto interessato, a seguito di un sopralluogo dei vigili del fuoco. « I proprietari degli immobili hanno l’onere di provvedere, a proprie cure e spese, alla esecuzione della messa in sicurezza»- si legge nell’ordinanza.  In caso contrario si procederà d’ufficio.  Il borgo antico porta su di sé, ma ancor più dentro sé, tutti i segni del tempo: l’abbandono, l’incuria, la speranza. Noto per la sua singolarità di paese museo, patrimonio dell’Unesco, è uno dei pochi luoghi che, pur essendo stato abbandonato agli inizi del ‘900, a causa di una frana, ha conservato nel tempo l’originaria struttura urbanistica e abitativa rurale. Fu rivelato al grande pubblico dalla sensibilità giornalistica di Onorato Volzone, che pubblicò il primo articolo su Il Mattino nel marzo del 1982, definendo Roscigno Vecchia “La Pompei del ‘900” e poi valorizzata come bene culturale dalla intensa attività della Soprintendenza ai Beni Ambientali di Avellino e Salerno, diretta da Mario De Cunzo. Da allora è stato un continuo via vai di turisti, circa 20.000 all’anno, set di numerose pellicole cinematografiche e scenografia esemplare per teatro all’aperto. Vanto dell’intera comunità alburnina come luogo simbolo delle proprie radici, scrigno della memoria storica e speranza turistica. Resta indifferibile un intervento risolutivo sulla attuale situazione di rischio che compromette la fruibilità dell’importante sito storico artistico e suggestivo del comprensorio Alburni Calore. 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.