Attualità

Anche Montesano sulla Marcellana sembra avere i suoi vandali. Dopo la comunità di Monte San Giacomo, che qualche settimana fa ha trovato la Villa comunale imbrattata con scritte romantiche, anche quella montesanese ha di che preoccuparsi. Girano sui social foto di una Piazza del paese ritratta deturpata con marmi divelti e sedute spaccate per non parlare dei rifiuti abbandonati nel verde degli spazi dedicati ai bambini. Dai vari commenti che circolano sul web a corredo delle foto pubblicate pare che quella non sia l’unica zona del paese presa di mira da chi, non sapendo come trascorrere le giornate, sfoga la propria frustrazione su beni pubblici, alcuni dei quali anche ad Arenabianca a cui – raccontano i residenti della zona – è stato riservato in passato lo stesso trattamento. Atti di vandalismo diffuso purtroppo si registrano un po' ovunque, è sì necessaria un’analisi sociale del fenomeno che crei i presupposti per poterlo fermare. Non va sottovalutato però l’aspetto punitivo, come potrebbe essere il risarcimento danni, che si traduce in un risparmio economico per l’Ente ma anche in uno strumento educativo che può rafforzare il senso di responsabilità e rispetto verso l’altro, riportando i pensieri e le azioni nell’alveo di quel senso civico che tanto latita. “Si sta cercando di identificare – dichiara intanto il Sindaco di Montesano Giuseppe Rinaldi – gli autori di questi gesti che non solo deturpano il patrimonio della comunità ma lasciano interdetti sul concetto di bene comune che si possiede. Dobbiamo insistere su un rinnovato progetto educativo che faccia cogliere come interessante per la mia persona il bene della mia collettività. Se qualcuno sa aiuti a capire. Oltre a far riparare i danni – conclude Rinaldi – probabilmente avremo anche la possibilità di far comprendere il grave errore agli autori di questo atto di vandalismo”. 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.