Attualità

Tutto il Vallo di Diano resta profondamente scosso per l'omicidio brutale di Antonio Alexander Pascuzzo ucciso da un suo coetaneo con sette coltellate, e tutto il territorio oggi si chiede cosa sta accadendo che toglie dai piccoli comuni quel senso di serenità e tranquillità che li faceva sentire lontani da terribili fatti di cronaca raccontati dai tg nazionali. I protagonisti del dramma sono due giovani 18enni di un piccolo paesino come Buonabitacolo che conta circa 2mila 500 abitanti e che si chiede quali sono i sentimenti che spingono i giovani verso tanta violenza. L'ultimo caso risveglia le coscienze. Gli uomini del Capitano Davide Acquaviva, da mesi hanno intensificato i controlli antidroga sul territorio e anche a Buonabitacolo si sono registrati casi di fermi e segnalazioni per uso e spaccio di droga. Anche Antonio Pascuzzo, lo scorso 30 novembre era stato arrestato dai carabinieri perché in possesso di 30 grammi di hashish e bilancino di precisione. Dalla Compagnia carabinieri diretta dal Capitano Acquaviva, come spiegato in una recente intervista dal l Procuratore di Lagonegro Dott. Vittorio Russo, i controlli sul territorio per reprime i reati legati all'uso e allo spaccio di sostanza stupefacente sono intensi e serrati ma, evidentemente, ciò non basta. Quanto accaduto impegna su una seria riflessione richiamando tutti alla responsabilità. Tanti i messaggi sui social e tutti che invitano a riflettere. Lo fa Elia Rinaldi, ex sindaco di Buonabitacolo che invita ad un'attenta analisi per poi agire nella maniera opportuna. "Per fare tutto questo - scrive - occorre scavare nel profondo e mettersi in discussione anche individualmente". Anche il sindaco Giancarlo Guercio analizzando la vicenda sottolinea come "Va intrapresa un'azione seria, senza demagogia o scusanti. Ognuno deve fare la sua parte, io per primo". Raffaele Accetta, presidente della Comunità Montana Vallo di Diano scrive. "Il valore della vita ridotto a nulla. Per il nostro territorio si tratta di un episodio che deve far riflettere. È un segnale che non può e non deve essere trascurato". Sul fatto è intervenuto anche Rosabella De Angelis giovane ragazza impegnata con l'associazione I Love Vallo di Diano che scrive: "L'omicidio ha suscitato molte domande, molte riflessioni e molte perplessità. Ma se da sfondo generale c'è una società disturbata, intenta, a volte, più a guardare profili che visi, forse, non c'è tanto da meravigliarsi che dal tribolato sortiscano tribolazioni, anche quando ad essere colpita è una piccola comunità. Anzi, questo sottolinea che, non importa se viviamo in una metropoli, in una città o in un piccolo paese di provincia, siamo tutti accomunati dalla stessa sorte se non si attua un cambio rotta collettivo e globale. Ad ogni modo, - conclude - voglio credere che il Vallo di Diano sia ancora un "Buon-abitacolo" per chi ci vive da sempre e per chi ci vivrà in futuro".

Anna Maria Cava

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.