Attualità

Premesso che l’Associazione - Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari - Distretto SUD OVEST - ha inviato al sindaco Francesco Cavallone la richiesta di adozione della Nuova Carta dei Diritti della Bambina e preso atto che l’International Federation Business Professional Women, organizzazione non governativa presente in 100 Paesi nel mondo ed è rappresentata presso ONU, FAO, UNESCO, ILO, OMS, UNICEF, il Comune di Sala Consilina, ha deliberato l’adozione della Carta.

“La bambina deve essere aiutata, protetta fin dalla nascita e formata in modo che possa crescere nella consapevolezza dei suoi diritti e dei suoi doveri contro ogni forma di discriminazione – dice il Presidente del Consiglio Maria Stabile - la Carta comprensiva di nove articoli, deve essere letta come una premessa fondamentale per l’affermazione dei diritti delle donne fin dalla nascita. Con l’adesione, il Comune aggiunge uno strumento per favorire azioni a tutela dei minori e della famiglia rappresentando la Carta uno strumento per i diritti delle bambine e delle ragazze”.

L’assessore Gelsomina Lombardi sottolinea che la Carta dei Diritti della Bambina è ispirata alla Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia del 1989. “Non è vincolante – dice - è un’enunciazione di principi di valore morale e civile predisposta per promuovere la parità sostanziale fra i sessi, la valorizzazione delle differenze tra bambine e bambini e il superamento degli stereotipi che limitano la libertà di pensiero e di azione in età adulta”.

“L’adozione della “Nuova Carta Dei Diritti della Bambina” anche da parte di questo Comune – prosegue - rappresenta uno stimolo per sensibilizzare l’opinione pubblica a un’azione mirata di contrasto alla drammatica emergenza della violenza di genere”.

La Carta distingue caratteristiche e bisogni, connotazioni fisiche ed emozionali ed è una premessa per l'affermazione e la tutela dei diritti delle donne; famiglia, scuola e comunità devono assumersi responsabilità perché la bambina possa crescere consapevole dei suoi diritti e dei suoi doveri.

Antonella Citro

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.