Attualità

Il sud Italia meta ambita da giovani aristocratici per i loro Viaggi Studio. La costa e l'entroterra campano e lucano, tra le mete più frequentate per l'arte e l'antica ed importante cultura. Un pezzo di storia che merita di essere raccontato e rivissuto anche per dare maggior valore ad una terra che, troppo spesso, viene sottovalutata e sottostimata dagli stessi abitanti.

Per raccontare e rivivere quel pezzo di storia l'Associazione Faq Totum, presieduta da Antonella Inglese, ha realizzato una mostra con le opere del Prof. Gianfranco Aiello, appassionato collezionista. Aiello ha raccolto numerosi quadri realizzati dagli antichi viaggiatori del 18esimo e 19esimo secolo che, nelle opere realizzate utilizzando le più svariate tecniche, imprimevano sulle tele luoghi e scorci delle aree visitate duranti i loro viaggi studio. Nasce così la mostra "Grand Tour" che resterà in esposizione fino al 31 dicembre nella Sala dello Speziale della Certosa di San Lorenzo a Padula la cui istallazione è resa possibile grazie ad un collaborazione tra associazioni ed enti che hanno supportato l'idea dell'Associazione Faq Totum.

La sinergica azione tra il gruppo presieduto da Antonella Inglese, il Consorzio Arte'm, il Sistema Museale MAM Moliterno e il comune di Padula, patrocinato dall'Assessorato al Turismo e Cultura della Regione Campania, dal Ministero dei Beni e Attività Culturali e dalla Comunità Montana Vallo di Diano ha permesso l'esposizione di opere, realizzate in tecnica ad olio, acquerelli e incisioni, facenti parte della vastissima collezione custodita all'interno del Sistema Museale MAM Musei Aiello Moliterno che si compone di 6 musei a Moliterno. Attraverso l'esposizione sarà quindi possibile rivivere il periodo iniziato sin dalla seconda metà del '600, quando i rampolli di nobili famiglie europee raggiungevano Napoli, Ischia, Capri, la Costiera Amalfitana, Paestum e la Lucania ritenute mete di ispirazione intellettuale. Ad arricchire le'vento espositivo ci saranno anche momenti di intrattenimento.

“Abbiamo in programma aperitivi, incontri didattici, momenti musicali - spiega Antonella Inglese - per unire l’arte alla convivialità, nell’incantevole cornice della Certosa di San Lorenzo. Sarà così più interessante intraprendere questo viaggio tra le rappresentazioni artistiche più belle della nostra terra”.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.