Attualità

Il TAR della Campania (sezione staccata di Salerno) è intervenuto in merito all’ordinanza con la quale, il 5 agosto scorso, il sindaco del Comune di Teggiano, Michele Di Candia, convalidava il sequestro e l’abbattimento di 120 suini entro 72 ore dal provvedimento, senza alcun indennizzo e con le spese a totale carico del proprietario degli animali.

L’ordinanza del sindaco arrivava a conclusione dell’ispezione effettuata il 30 luglio scorso dal Dipartimento di prevenzione del distretto sanitario di Sala Consilina, con il supporto dei carabinieri forestali della stazione di Padula, nell'ambito dei controlli predisposti sul territorio per verificare il rispetto delle normative nell'ambito del settore alimentare e dell'allevamento.

Le operazioni di verifica portarono ad accertare la presenza di 120 suini privi del marchio identificativo, nonché la mancanza del registro aziendale e della certificazione sanitaria; motivi che hanno portato all'ordine di abbattimento e distruzione degli animali entro le 72 ore dalla notifica del provvedimento.

L’istanza è stata quindi impugnata dal proprietario dei suini, difeso dall’avvocato Nicola Senatore, dinanzi al Tar Campania, che ha accolto le ragioni sollevate dal difensore, per cui sono stati sospesi gli effetti di abbattimento e distruzione dei suini previsti dall’ordinanza sindacale.

Nel ricorso si è fatto anche esplicito riferimento alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Animale, redatta dalla Lega Internazionale dei Diritti dell’Animale, proclamata il 15 ottobre 1978 nella sede dell'Unesco a Parigi, primo provvedimento internazionale che educa al rispetto di ogni forma di vita, anche quella animale.

Federico D'ALESSIO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.