Attualità

La Regione Campania ha stanziato ulteriori fondi per la riqualificazione e messa in sicurezza dei santuari nell’ambito di un ampio progetto di promozione del turismo religioso attraverso il recupero dei luoghi di culto regionali. Lo scorso luglio su 63 progetti ritenuti validi solo 21 risultarono finanziati con i 4milioni di euro messi a disposizione. L’Ente ha di recente programmato ulteriori risorse pari a 8.200.000euro e quindi vi rientrano tutti quei progetti rimasti fuori per esaurimento del budget.

Risulta ora finanziato con 200mila euro anche il progetto di recupero del Santuario di Maria SS della Colomba ad Atena Lucana – come annunciano soddisfatti dal Comune. Atena Lucana aveva già ottenuto la stessa somma per il Santuario di San Ciro, un progetto presentato dalla Parrocchia di Santa Maria Maggiore.

Dei 21 progetti sovvenzionati su 63 ammessi lo scorso luglio ben 4 erano relativi ai santuari del Vallo di Diano: oltre al Santuario di San Ciro, nella graduatoria finale vi rientrò Padula con 200mila euro per il Santuario di San Michele Alle Grottelle; Polla con 189mila euro per il Santuario di Sant'Antonio; e Sassano con 200mila euro per il Santuario del Cuore Immacolato di Maria in località Varco Notar Ercole. In graduatoria ma fuori dai finanziamenti per esaurimento del budget erano rimasti i progetti: del Santuario della Diocesi di Teggiano, della Madonna del Carmelo a Sant’Arsenio, Santuario della Beata Vergine del Monte Romito a Padula.

Rosa ROMANO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.