Attualità

Aiuti economici in arrivo nei comuni attraverso il decreto rilancio del 19 maggio scorso a seguito esenzione di alcune imposte legate al settore turistico ed alla tassa di occupazione del suolo pubblico vista l'esigenza di concedere maggiori spazi agli esercenti di attività commerciali di ristorazione e non solo viste le normative di distanziamento sociale imposte. L'esenzione di tali imposte ha colpito prevalentemente i comuni a cui il governo concede un fondo di ristoro per il mancato introito. Poco più di 100 mila euro in arrivo per i 18 comuni del Vallo di Diano e parte del Tanagro. I fondi per il ristoro destinati ai comuni vanno a sostituire le mancate entrate derivanti dall'esenzione del pagamento dell'IMU prevista per gli operatori del settore turistico, ossia per le attività quali agriturismo, rifugi, affittacamere, B&B, residence e similari.

In base alla presenza sul territorio comunale di tali attività, dal Governo sono quindi arrivati fondi ai comuni per compensare il mancato incasso delle imposte IMU non percepite. 69.226 euro il totale in arrivo per i comuni del Vallo di Diano con la somma più alta che arriverà nelle casse del Comune di Atena Lucana a cui sono destinati 12.454,00 euro. Al comune più popoloso del Vallo di Diano, ossia Sala Consilina arriveranno 11.851,00 euro, mentre a Teggiano 10.727,00 euro. Padula e Polla riceveranno ciascuno somme superiori agli 8 mila euro mentre per i comuni di Montesano, Sanza e San Pietro al Tanagro in arrivo circa 300o,00 euro o poco più. 2695,00 euro in arrivo per Sassano e 1664,00 euro per Sant'Arsenio. Per tutti gli altri comuni, ossia Auletta, Buonabitacolo, Caggiano, Monte San Giacomo, Pertosa, San Rufo il mancato introito dell'IMU derivante dalle attività operanti nel settore turistico sarà compensato con cifre che al di sotto dei mille euro e comunque di poche centinaia di euro.

0 fondi in arrivo per Salvitelle che potrà contare però sui 2231 euro in arrivo a ristoro del mancato introito derivante dall'esenzione della TOSAP, ossia la tassa di occupazione del suolo pubblico. In questo caso i comuni che percepiranno un ristoro maggiore sono i comuni di Polla che potrà contare sull'arrivo di 7202,00 euro, seguito da Caggiano  con 4280,00 euro e Sala Consilina che percepirà 3750,00 euro. 2874 euro in arrivo per Montesano, 1964,00 è quanto destinato per il comune di Teggiano, ad Auletta sono stati stanziati 1723 euro, Sant'Arsenio 1599 euro, ed infine si mantiene sopra i mille euro il Comune di Padula che si vedrà consegnare dal Governo la cifra di 1488,00 euro. Per tutti gli altri comuni in arrivo poche centinaia di euro che avranno la finalità di sopperire al mancato incasso della TOSAP in questo periodo di emergenza post covid. In arrivo fondi anche negli Alburni. A percepire il fondo di ristoro per il mancato incasso dell'IMU sulle attività turistiche è Corleto Monforte a cui arriveranno 2619 euro, mentre Sant'Angelo Le Fratte è il comune che percepirà di più come fondo di ristoro per il mancato incasso della TOSAP con l'arrivo nelle casse comunali di 548 euro.

Anna Maria CAVA

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.