Attualità

Pedinamenti ai danni dell'imprenditorie siciliano Ignazio Cutrò che ha avuto il coraggio di denunciare i suoi estorsori diventando nel 2006 testimone di giustizia e, successivamente, presidente dell'Associazione Testimoni di Giustizia che collabora attivamente con l'Associaizone Internazionale Joe Petosino di Padula.

Nei giorni scorsi, l'imprenditore è stato nuovamente vittima di pedinamenti che lo hanno costretto a presentare una nuova denuncia alla Procura di Agrigento a seguito casi di avvicinamento da parte di una moto e di un'autovettura che lo hanno seguito. Da Padula arriva il messaggio di solidarietà e vicinanza per questi ennesimi atti intimidatori che subisce l'amico Cutrò con cui sono state avviate numerose iniziative prevalentemente rivolte a sensibilizzare i giovani e le comunità sul tema della legalità e della giustizia.

Con una nota stampa, l'associaizone Joe Petrosino e i comuni di Padula e Castelverde, esprimono la loro vicinanza ad Ignazio Cutrò in questo particolare momento di paura per se e per la propria famiglia dopo i casi di pedinamento.

“Siamo vicini ad Ignazio - scrivono associazione e comuni - e rivolgiamo un appello forte allo Stato. Ancora una volta teniamo alta l’attenzione sui testimoni di giustizia, chiedendo di attivare ogni controllo verso di loro, per tutelare la loro incolumità e quella delle loro famiglie”. Da tempo, ormai, l’Associazione di Padula e i due Comuni, gemellati in nome delle attività portate avanti per ricordare la figura del poliziotto Joe Petrosino, hanno mostrato vicinanza a Cutrò e alle sue battaglie per rimarcare l’importanza dei testimoni di giustizia che, con le loro denunce, contribuiscono a smantellare la rete mafiosa e il malaffare.

Anna Maria CAVA

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.