Attualità

Sono stati davvero in tanti a partecipare all'iniziativa finalizzata a creare una biblioteca attrezzatissima per i bambini della scuola primaria di Sant'Antonio. L'istituto scolastico ha infatti aderito all'iniziativa nazionale denominata "Io Leggo perché" promossa dall'Associazione Italiana Editori in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione e con il Ministero dei Beni e delle attività culturali.

Grazie all'efficace sinergia istauratasi tra il plesso delle scuole primarie di Sant'Antonio a Sala Consilina e la Mondadori Bookstore sito nel centro salese, è stato infatti possibile raccogliere circa un centinaio di libri che saranno tutti consegnati alla scuola per l'ampliamento della biblioteca dove i bambini potranno così prendere in prestito i tanti libri e potenziare la loro voglia di conoscenza. Ma non è tutto.

Grazie alla enorme generosità del territorio, infatti, la scuola potrebbe essere destinataria di altri volumi che saranno donati dall'Associazione Italiana Editori nell'ambito del progetto a cui il plesso di Sant'Antonio ha aderito. Il progetto, infatti, prevede anche un ulteriore contributo pari al numero dei libri raccolti in questa settimana di evento Io leggo Perché, che saranno poi suddivisi per tutti i plessi scolastici aderenti al progetto. Significativa l'adesione di tutto il territorio che non ha voluto mancare all'appuntamento importante, conclusosi ieri, di poter contribuire ad accrescere la cultura e la sensibilizzazione dei piccoli verso la lettura, come fondamentale fonte di conoscenza del mondo ma anche quale importante strumento di unità e di condivisione del sapere.

Soddisfatta del risultato raggiunto e della partecipazione del territorio la referente del progetto Rosa Mega che, sulla sua pagina facebook, ha voluto ringraziare quanti hanno contribuito con le loro donazioni a raggiungere l'importante risultato. "Siete stati in tanti, - scrive - 100 volumi sono un traguardo grandissimo. Anche se distanti in questo momento storico così complesso quale quello che stiamo vivendo, un libro ha avuto la magia di unirci.Il grande Umberto Eco sulla lettura ebbe a dire:"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito perché la lettura è un'immortalità all'indietro".GRAZIE: - sottolinea in conclusione - avete regalato un pezzetto di immortalità 

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.