Attualità

A Caggiano si torna a scuola, sono riprese oggi le attività didattiche in presenza. In considerazione dello screening scolastico effettuato venerdì scorso, che quindi ha dato esito negativo per tutti i test, e dell'andamento settimanale dei contagi sul territorio comunale, le lezioni  riprendono in presenza per tutte le sezioni della Scuola dell’Infanzia, per tutte le classi della Scuola Primaria e per le classi prime della Scuola Secondaria di Primo Grado. Ed è garantito anche il trasporto scolastico.

A Monte San Giacomo e Sassano invece si torna a scuola il 21 aprile. Bambini e ragazzi dell'IC Giovanni Falcone" sarebbero dovuti tornare tra i banchi domani ma si continua con la dad ancora per una settimana. A Monte San Giacomo il sindaco Raffaele Accetta ha ordinato la proroga perché la percentuale di contagi resta alta anche se il numero di positivi si è abbassato: ad oggi 1 persona si è negativizzata e 5 sono risultate positive quindi il numero complessivo di persone contagiate sarebbe pari a 24. A Sassano il sindaco, Domenico Rubino, ha emesso apposita ordinanza dopo un’attenta analisi dei dati dei cittadini contagiati e di quanti si trovano in stato di quarantena fiduciaria. Anche qui la situazione epidemiologica va seguita costantemente con 89 positivi attuali.

A Sanza ora sono 27 i casi accertati a seguito di un focolaio sviluppatosi tra un gruppo di giovani. "La buona notizia è che la quasi totalità dei contagiati - fa sapere il sindaco Vittorio Esposito - non presenta sintomi evidenti. la situazione però rimane molto complicata per la comunità che si è trovata all’improvviso a fare i conti con un’ondata di contagi che hanno interessato diversi nuclei scollegati tra loro. E già nei giorni scorsi il primo cittadino aveva deciso di disporre la proroga della dad fino al 17 aprile quindi si dovrebbe tornare a scuola lunedì salvo ulteriori proroghe.

Anche a Montesano sulla Marcellana si torna a scuola lunedì come disposto dal sindaco Giuseppe Rinaldi per via del numero complessivo di contagi sul territorio che è pari a 84 con il virus è concentrato, in percentuale alta ma non esclusiva, su una parte del territorio che è la frazione di Tardiano.

Nel comprensorio poi tutti i bambini e ragazzi stanno frequentando le lezioni in presenza come nel resto d'Italia ad eccezione della prima elementare di San Pietro al Tanagro e le scuole di Padula. A San Pietro al Tanagro in quanto un bambini della classe risulta essere tra i contatti di un caso confermato di positività e qui il sindaco Domenico Quaranta, in attesa che l'Asl effettui il tampone all'alunno, ha disposto in via precauzionale la sospensione delle attività didattiche in presenza limitatamente alla prima elementare fino alla comunicazione dell'esito del test. A Padula Paolo Imparato ha sospeso l'attività didattica in presenza per: micronido, infanzia e primaria Cardogna; infanzia e primaria capoluogo; scuola media San Francesco. Si tratta di una misura precauzionale per monitorare la situazione e poi decidere il da farsi. 

Rosa ROMANO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.