Attualità

Dal gruppo Salesi di Sala Consilina arrivano le richieste da formulare in vista del consiglio generale della Comunità Montana Vallo di Diano in programma per domani pomeriggio alle ore 17,00. I sindaci valdianesi si riuniranno per discutere dei provvedimenti da adottare a difesa del territorio a seguito anche di quanto emerso dalle inchieste portate avanti dai carabinieri in cui è stato accertato l'interesse della criminalità sul comprensorio. Le due inchieste che hanno portato all'arresto di 17 persone tutte del Vallo di Diano impongono serie prese di posizione e l'adozione di provvedimenti preventivi.

Da qui la decisione del presidente della Comunità Montana Francesco Cavallone di indire celermente un consiglio generale per avviare un confronto tra tutti i sindaci del comprensorio. In vista quindi dell'incontro, il gruppo di opposizione del comune di Sala Consilina, con una nota stampa espone le sue proposte. In particolare si fa riferimento all'inchiesta che ha fatto emergere casi di sversamenti di rifiuti tossici nei terreni del Vallo di Diano. Su questo punto, infatti, dal gruppo viene evidenziata nella nota la "necessità di fare luce al più presto sulla situazione in cui versano i terreni ed i corsi d’acqua di tutti i comuni del vallo" chiedendo nel contempo l'adozione di azioni mirate a salvaguardare la salute dei cittadini.

Il gruppo capeggiato da Domenico Cartolano propone quindi che, in sede di conferenza dei Sindaci, venga proposta una convocazione simultanea di tutti i consigli comunali con unico argomento condiviso all'ordine del giorno dedicato proprio alla salvaguardia dell'ambiente e della salute dei cittadini.

"Sarebbe l’occasione - dichiarano nella nota - per far partire dal territorio un forte segnale contro i tentativi dei clan malavitosi di inquinare, con scarichi di rifiuti tossici, il nostro ecosistema e le nostre vite; ribadire l’importanza di politiche ambientali e di salvaguardia del territorio; chiedere l’intervento di Enti preposti, di effettuare rilievi nei terreni e nei corsi d’acqua dei comuni valdianesi, al fine di riconoscere o escludere eventuale presenza di sostanze tossiche; procedere ad operazioni di bonifica; sollecitare, la Regione Campania, sull’aggiornamento dei dati del Registro dei tumori regionale per analizzare le incidenze tumorali nei territori colpiti dai reati ambientali; ribadire l’importanza di un presidio di giustizia, quale era il Tribunale di Sala Consilina, in un’area di snodo come questa valdianese, che attira le attenzioni delle mafie, non solo campane".

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.